Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Opportunità di tirocinio al Cga, approvate graduatorie provvisorie
di Michele Giuliano

Assessorato alla Formazione completa l’iter dell'Avviso 15: borse di studio per i migliori laureati in Legge. Indennità da 400 a 600 €/mese per un intervento sperimentale di alta formazione

Tags: Lavoro, Cga, Formazione, Avviso15



PALERMO - È stata approvata la graduatoria provvisoria dell’Avviso 15, che permetterà di attivare dei tirocini formativi presso il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana per i migliori laureati in giurisprudenza. Per coloro i quali volessero presentare delle osservazioni avranno tempo 5 giorni dalla pubblicazione della graduatoria sulla Gazzetta Ufficiale per inoltrarle esclusivamente alla Pec predisposta.
 
Una possibilità importante, per giovani che hanno studiato con impegno e abnegazione, di svolgere il tirocinio alla professione all’interno di una importante istituzione regionale. Con quest’avviso l’amministrazione regionale intende contribuire a migliorare la performance del sistema giudiziario siciliano, sostenendo l’impegno formativo del Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana (Cgars), supportando la frequenza dei tirocinanti più meritevoli attraverso l’offerta di borse di studio. In questo modo, si giungerà alla formazione di figure professionali che alla fine del percorso, grazie al sapere, competenze ed esperienza acquisita, potranno essere immediatamente collocabili, qualora vincitori di concorso, presso il Consiglio di Giustizia Amministrativa stesso.
 
Anche per coloro che non dovessero comunque riuscire ad inserirsi all’interno dell’istituzione, sarà comunque una opportunità per innalzare le competenze, rafforzando significativamente le opportunità d’inserimento occupazionale nel territorio regionale. L’intervento formativo finanziato si realizzerà presso il Cgars, e sarà monitorata come un’attività sperimentale in quanto, sulla base dei risultati che saranno conseguiti da quest’avviso, è intenzione della Regione Siciliana estendere, con successivi adeguati atti, questa tipologia d’intervento anche agli altri uffici giudiziari operanti sul territorio. Una ulteriore possibilità per i giovani laureati, e una risorsa per gli uffici che potranno usufruire della presenza di giovani brillanti e freschi di studio, aperti alle novità e portatori e innovazione ed entusiasmo. Le borse di studio messe a disposizione sono quindici, per un periodo di formazione teorico-pratica della durata di 18 mesi complessivi.

Hanno potuto presentare domanda i laureati in giurisprudenza almeno quadriennale, con una media di almeno 27/30esimi negli esami di diritto costituzionale, diritto privato, diritto processuale civile, diritto commerciale, diritto penale, diritto processuale penale, diritto del lavoro e diritto amministrativo, ovvero un punteggio di laurea non inferiore a 105/110. Ancora, devono avere meno di trent’anni e non aver svolto altro tirocinio presso il Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana né presso altri Uffici giudiziari.

La borsa assegnata è di 400 euro lordi mensili (che diventano 600 euro lordi mensili per coloro che risiedono a una distanza superiore a 100 chilometri dal luogo di svolgimento del tirocinio). Ogni tirocinio quindi, ha un valore minimo individuale complessivo dia 7.200 euro, che giunge ad un massimo di 10.800 euro. La Regione, in quanto soggetto erogatore dell’indennità si farà carico del pagamento dell’aliquota Irap e del premio assicurazione Inail. Ogni borsista è comunque tenuto a stipulare due polizze assicurative, una per le malattie e gli infortuni subiti durante lo svolgimento del periodo di formazione teorico pratica, o comunque a causa del tirocinio svolto, una seconda per eventuali danni causati a persone o cose nello svolgimento del tirocinio con un massimale minimo rispettivamente di euro 75.000 ed euro 500.000 per sinistro.

Articolo pubblicato il 12 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus