Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Chirurgo "con i ferri in due ospedali", a giudizio per danno erariale
di Redazione

Matteo Tutino, ex primario al Policlinico di Palermo, era in aspettativa ma eseguiva prestazioni anche al S. Elia di Caltanissetta, violando gli obblighi di esclusività

Tags: Tutino, Giaccone, Palermo, S.elia, Caltanissetta, Ospedale



PALERMO - L'ex primario di Chirurgia plastica, Matteo Tutino, dovrà essere giudicato dalla Corte dei conti per aver effettuato, senza autorizzazione, prestazioni specialistiche all'ospedale S. Elia di Caltanissetta mentre era in servizio al Policlinico Paolo Giaccone di Palermo.
 
Il giudice di primo grado aveva dichiarato il difetto di giurisdizione per la richiesta di risarcimento danni. Di diverso avviso è il procuratore generale della Corte dei conti, Pino Zingale, che ha presentato appello contro la decisione. Adesso il collegio presieduto da Giovanni Coppola (Vincenzo Lo Presti consigliere, Tommaso Brancato consigliere relatore, Valter Camillo Del Rosario consigliere, Guido Petrigni consigliere) ha accolto il ricorso e rinviato il giudizio alla sezione giurisdizionale.
 
Il 29 novembre 2012 il Policlinico trasmise alla Procura regionale della Corte dei conti gli atti inerenti il procedimento disciplinare avviato nei confronti di Tutino per aver effettuato, senza autorizzazione, prestazioni specialistiche al Sant'Elia durante il periodo in cui il medico risultava collocato, a sua richiesta, in aspettativa senza assegni. Ad eseguire le indagini delegate dal pm erano stati i carabinieri del Nas di Palermo.
 
Secondo il procuratore "la percezione di somme da ente pubblico per prestazioni ex lege vietate - si legge nella sentenza - non solo costituisce gravissima violazione degli obblighi di lealtà, fedeltà ed esclusività che il dottor Tutino era tenuto ad osservare anche in regime di aspettativa, ma perfeziona, altresì, un danno erariale, perché mai il dipendente pubblico avrebbe potuto richiedere e incamerare denaro pubblico per una attività professionale vietata a priori dalla legge".
 
Ad avviso della Procura il danno sarebbe di quasi 29 mila euro. Le tesi del procuratore sono state accolte dai giudici contabili che hanno annullato la prima pronuncia.
 

Articolo pubblicato il 12 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐