Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ecco il notaio agrigentino che ha truffato 2000 clienti
di Redazione

Il professionista richiedeva somme notevolmente maggiori per le imposte, che poi tratteneva per sé: solo in un anno avrebbe sottratto oltre 407mila euro

Tags: Notaio, Agrigento, Truffa



AGRIGENTO - La Guardia di Finanza di Sciacca, su ordine del gip, ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di conti correnti bancari e fondi di risparmio intestati a un notaio del distretto di Agrigento-Sciacca. Secondo l'accusa il notaio avrebbe truffato duemila clienti, dal 2012 al 2017, emettendo fatture con due voci: la prima inerente l'onorario professionale (sempre di basso importo) soggetta a tassazione, la seconda (esclusa dalla base imponibile) relativa agli importi, trattenuti a nome e per conto del cliente, delle imposte da versare all'Erario, tasse notarili ed eventuali ulteriori costi sostenuti.
 
Dagli accertamenti è emerso che la somma che il notaio si faceva consegnare dai clienti "per gli asseriti adempimenti fiscali era notevolmente superiore alle imposte (catastali, ipotecarie e di registro) che avrebbe dovuto versare al fisco". Pertanto - dice la Gdf - quello che all'apparenza sembrava un normale documento fiscale nascondeva, in realtà, un vero e proprio artifizio che permetteva, al professionista, di trattenere per sé la parte della somma versata dal cliente ma in realtà non dovuta.
 
Il professionista, sottoposto a una verifica fiscale che, per il solo anno d'imposta 2012, avrebbe sottratto oltre 407.000 euro di base imponibile a tassazione e avrebbe evaso 290 mila euro di imposta. Per questo il notaio ha già corrisposto all'erario 304 mila euro

Articolo pubblicato il 13 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus