Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Due donne uccise a Ramacca, già sette omicidi nel Calatino
di Redazione

Erano anziane e sarebbero state picchiate e accoltellate durante un tentativo di rapina. Il procuratore Verzera: "Scena del delitto raccapricciante"

Tags: Donne, Uccise, Anziane, Procuratore, Caltagirone, Catania



RAMACCA (CT) - Due anziane donne sono state uccise nella loro abitazione di Ramacca, in provincia di Catania. Secondo una prima ricostruzione sarebbero state picchiate e accoltellate durante un tentativo di rapina. Sul posto sono presenti i carabinieri a cui la Procura di Caltagirone ha delegato le indagini. 
 
Le due vittime sono sorelle: Lucia e Filippa Mogavero, di 70 e 79 anni, assassinate con diverse coltellate in più parti del corpo. I carabinieri privilegiano la pista della rapina, anche perché la casa è stata trovata a soqquadro. A meno che, ipotizzano gli investigatori, il disordine non sia stato simulato per sviare le indagini. Le due donne, nubili e casalinghe, vivevano in un'abitazione vicino alla villa comunale insieme a una terza sorella, un'insegnante che al momento del duplice delitto era a scuola. È stata lei, tornando a casa, a scoprire la strage.
 
Il procuratore: "L'ennesimo massacro, già sette omicidi"
 
"È l'ennesimo massacro che si registra nel Calatino, sono già sette gli omicidi registrati. Alcuni dei quali molto efferati. Lavoriamo in condizioni molto difficili". Così il procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, sulle due anziane donne uccise.
"La scena del delitto - aggiunge - è raccapricciante. Donne picchiate e colpite con arma da taglio. Bisogna fermare questo massacro. Noi e le forze dell'ordine siamo impegnati al massimo con i problemi di organico e anche legati al territorio e alla criminalità presente".
 
Il sindaco: "Una tragedia immane, senza motivo"
 
"Una tragedia immane che ha gettato nello sconforto tutta la nostra comunità. Nessuno di noi ha idea di chi possa aver commesso un gesto così atroce ed efferato. Siamo una comunità di 10 mila persone e ci conosciamo tutti, il nostro non è un paese che ha la violenza nel suo Dna. Le vittime erano due anime pie, due persone veramente per bene, tutte casa e chiesa". Così Giuseppe Limoni, sindaco di Ramacca commenta il duplice omicidio delle sorelle. 

Articolo pubblicato il 13 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus