Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Regione: la dirigente dell'Anticorruzione è indagata per peculato
di Redazione

 Secondo le accuse, la Giammanco si sarebbe appropriata di quasi 26mila euro, una somma non spettante, quando era commissario straordinario dell'ex Provincia regionale di Trapani

Tags: Dirigente, Peculato, Anticorruzione, Regione, Giammanco



PALERMO - La dirigente generale dell'Anticorruzione della Regione siciliana, Luciana Giammanco, è indagata per peculato. L'alta burocrate ha ricevuto, come scrivono oggi alcuni siti di informazione, l'avviso di conclusione indagine firmato dal pm Luca Battiieri. Secondo l'accusa, la dirigente e un'altra funzionaria, Silvia Coscienza, non avrebbero restituito dei compensi aggiuntivi non spettanti.
 
I fatti si riferiscono al periodo fra il 2012 e il 2013. La dirigente è accusata di essersi appropriata della somma complessiva di 25.753 euro per l'incarico di commissario straordinario dell'ex Provincia di Trapani

Articolo pubblicato il 18 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus