Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Turismo, in Sicilia si riparte dal Natale
di Michele Giuliano

Partito il “Piano Propaganda 2017” che punta ad incrementare i flussi turistici durante tutto l’anno e non solo in estate. Obiettivo principale sfruttare bellezze nascoste come tradizioni religiose e storiche. Prima iniziativa: attirare l’attenzione sul periodo natalizio

Tags: Turismo, Sicilia, Natale



PALERMO - Sole, mare, caldo. La Sicilia non è soltanto questo, e anche la stagione invernale offre tanto ai turisti italiani e stranieri che vogliono scoprirne le bellezze nascoste. Le tradizioni religiose e storiche, anche al di fuori dai mesi che vanno da aprile ad ottobre. Proprio allo scopo di destagionalizzare il turismo, che ha grandi potenzialità sul territorio siciliano, l’amministrazione regionale ha deciso di focalizzare l’attenzione, innanzitutto, sul periodo natalizio e i tanti presepi che vengono allestiti nell’Isola. È stato quindi siglato l’accordo interdipartimentale tra il Dipartimento regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo ed il Dipartimento regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, sottoscritto pochi giorni fa. Il progetto avrà come responsabile Daniela Lo Cascio, dirigente del Servizio 11-Servizio Turistico di Catania e dirigente ad interim dell’Unità Operativa di Taormina, e dovrà curare tutti gli adempimenti amministrativi e contabili connessi alla realizzazione delle iniziative previste, spingendo sull’efficienza dei servizi e sulla comunicazione all’esterno, in modo da rendere questi eventi visibili il più possibili, e quindi attraenti per il pubblico interessato.
 
Il piano ha come priorità l’organizzazione dei prodotti e delle filiere turistiche al fine di migliorare il brand della Sicilia e renderla il più possibile conosciuta, competitiva, innovativa e raggiungibile da parte di un più ampio target di interesse. Attraverso azioni di marketing intelligence, saranno quindi individuati i mercati di riferimento, puntando su alcuni segmenti di mercato funzionali alla creazione di nuove stagionalità, in armonia con le altre azioni svolte dall’Assessorato. In questo caso, si vuole cogliere l’opportunità di promozione congiunta del patrimonio artistico-culturale, mettendo in mostra l’arte presepiale calatina, all’interno di dimore storiche quattrocentesche, individuate nel Palazzo Ajutamicristo a Palermo e nel Palazzo Ciampoli a Taormina, quali cornici ideali per ospitare esposizioni di grande livello artistico, unendo il fascino dei luoghi alla sacralità della rappresentazione.
 
Il piano, nelle sue declinazioni, dedicherà pari attenzione sia alla promozione che alla commercializzazione programmando di pervenire, attraverso tavoli tecnici con l’assessorato ai Beni Culturali e della Identità Siciliana, alla creazione di una piattaforma di prenotazione on line dei biglietti per l’accesso ai musei e ai siti archeologici. Una ricerca di soluzioni che aiutino ad aumentare l’interesse del turismo che non sia solo quello delle spiagge e dell’enogastronomia, aumentando l’efficienza dei servizi e migliorando la comunicazione all’esterno.
 
La Sicilia soffre, purtroppo, come tutto il Mezzogiorno, di una scarsa capacità attrattiva di forme di turismo destagionalizzate. Nel confronto internazionale, la Sicilia non riesce ad incrementare i flussi di turismo (soprattutto straniero) fuori dai picchi stagionali. La promozione, indispensabile a mantenere alto l’interesse del potenziale turista, deve rispondere ad una strategia complessiva di collocazione sul mercato dell’offerta turistica. Assolutamente prioritaria rispetto alle azioni che si realizzeranno nel corso del 2017, sarà la messa a sistema di una sinergia condivisa con gli altri Assessorati dell’amministrazione regionale, prioritariamente Attività produttive, Agricoltura, Beni Culturali e Territorio e Ambiente, con i quali dovranno essere intraprese azioni congiunte per la promozione turistica dell’Isola.

Articolo pubblicato il 19 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus