Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Parcheggi a supporto della Ztl, intesa commercianti-Comune
di Gaspare Ingargiola

Confesercenti ha presentato un progetto con aree di sosta messe a rete e navette gratuite. L’assessore alla Rigenerazione urbana, Emilio Arcuri: “Valutazione di massima positiva”
 

Tags: Palermo, Ztl, Confesercenti, Parcheggio



PALERMO - “Il Comune ha accolto il nostro piano che prevede un migliaio di posti-auto a ridosso della Ztl, parcheggi messi finalmente a rete, come quello di piazzale Ungheria, e navette gratuite. Adesso però si passi velocemente alla fase operativa per dare risposte concrete ai commercianti e ai cittadini”. Così Mario Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo, ha commentato l’incontro avuto con gli assessori comunali alla Rigenerazione urbana e alla Mobilità, Emilio Arcuri e Iolanda Riolo, nel corso del quale l’associazione ha presentato ufficialmente il proprio studio sulla viabilità cittadina.
 
Si tratta di un piano redatto dallo studio tecnico diretto da Elena Giaconia, convenzionato con Confesercenti, che prevede di “mettere a sistema” e collegare meglio i 417 posti-auto al Foro Umberto I (Foro Italico), i 79 di piazza Giulio Cesare (all’ufficio Anagrafe) e i 593 al parcheggio Basile, oltre a quelli degli altri parcheggi dentro o a ridosso la Ztl, in particolar modo piazzale Ungheria, via Spinuzza e Tribunale. Una parte sarà riservata per i diversamente abili, taxi, carrozze e car sharing, mentre è allo studio il numero di quanti rendere gratuiti e quanti invece a pagamento.
 
“Siamo ben lieti - ha spiegato Attinasi, accompagnato dai vice presidenti Giovanni Tornatore e Vito Minacapelli - di regalare il progetto al Comune, perché costituisca una solida base di partenza. La Ztl può essere un’opportunità per le imprese, ma solo se accompagnata da misure che aiutino i cittadini a lasciare l’auto e a muoversi a piedi o con i mezzi pubblici. L’Amministrazione ha apprezzato il nostro lavoro e siamo pronti a collaborare per apportare modifiche e aggiustamenti: a breve avremo un nuovo incontro”.
Il piano prevede una spesa iniziale di avvio di circa 42 mila euro, necessari per l’apposizione della segnaletica e per la realizzazione degli stalli di sosta. I parcheggi, gestiti dall’Amat, saranno collegati fra loro da piccole navette gratuite da 30-40 posti con percorsi che interesseranno tutto il centro (comprese via Roma, via Cavour, piazza Indipendenza e corso Vittorio Emanuele) e consentiranno di lasciare l’auto muovendosi comodamente a piedi.
 
“La valutazione di massima sulla proposta - ha commentato l’assessore Arcuri - è positiva. Abbiamo recepito le indicazioni di Confesercenti Palermo, che verranno analizzate per apportare eventuali aggiustamenti. L’obiettivo è quello di trovare un punto di equilibrio che garantisca esercenti, residenti e chi si reca nel centro storico per motivi di lavoro. Accolgo con favore l’idea di mettere in rete i diversi parcheggi, inserendo anche quello molto utile di piazzale Ungheria”.
 
“È una proposta ragionevole – ha aggiunto l’assessore Riolo - che verrà presa in seria considerazione. Il dialogo e la collaborazione con gli esercenti sono la base per la buona riuscita di ogni progetto relativo alla mobilità. Non abbiamo perso tempo e abbiamo subito ascoltato Confesercenti. L’idea verrà studiata nei dettagli per individuare eventuali correzioni e giungere al più presto a un piano d’azione condiviso”.
 
“Il Comune - ha concluso Attinasi - ha subito compreso la validità del nostro progetto, che punta a migliorare la vivibilità del centro storico attraverso il miglioramento dei servizi. Si concretizza finalmente la possibilità di raggiungere agevolmente i negozi del centro. La pulizia e la sorveglianza dei parcheggi e la loro messa in rete saranno fondamentali”.

Articolo pubblicato il 21 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus