Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

I Comuni siciliani virtuosi e le norme di riferimento
di Luca Insalaco

Gli Enti pubblici sono obbligati a rendere i dati “facilmente reperibili”. Siracusa batte tutti con appena il 9,24 % di assenze

Tags: Assenteismo, Sicilia, Pa



PALERMO – A far fare bella figura alla Pa di casa nostra e a riportare in equilibrio la sfida col Nord sulle assenze ci hanno pensato i dipendenti di altri quattro comuni.
Ad ottobre il tasso medio di assenze dei dipendenti del Comune di Siracusa è stato del 9,24%, contro il 9,9% del comune di Monza. Nello stesso mese, i dipendenti del Comune di Trapani hanno fatto registrare un tasso di assenze dell’11% contro il 14,9% del Comune di Pavia. Il Comune di Ragusa a settembre ha fatto registrare il 15,4% di assenze, contro il 20,08% del Comune di Asti, mentre i dipendenti comunali di Caltanissetta a ottobre hanno surclassato i colleghi di Legnano con una media del 13,2% di assenze contro il 18%.

È stata – lo ricordiamo - la legge n.69 del 18 giugno 2009 (“Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile”) a introdurre l’obbligo per le pubbliche amministrazioni “di pubblicare nel proprio sito internet le retribuzioni annuali, i curricula vitae, gli indirizzi di posta elettronica e i numeri telefonici ad uso professionale dei dirigenti e dei segretari comunali e provinciali nonché di rendere pubblici, con lo stesso mezzo, i tassi di assenza e di maggiore presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale” (art.21). Come sottolineato, inoltre, dal ministro per la Pa e l’Innovazione, Renato Brunetta, nella circolare n.03/2009 e ribadito nella circolare n.05/09, i dati relativi ai tassi di assenza e di presenza devono essere pubblicati con cadenza mensile. Alle amministrazioni è stato poi raccomandato di rendere i dati pubblicati “facilmente reperibili e accessibili” sul proprio sito istituzionale, evidenziando sulla homepage “un’apposita sezione individuata attraverso un titolo di immediata percezione”.

Articolo pubblicato il 06 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Enti locali: assenteismo e omertà -
    Trasparenza. Quei dati scoraggianti e quelli ancora nascosti.
    Pareggio. Il confronto sulle presenze sul posto di lavoro con le città “gemelle” del Nord si è chiuso in parità. Spicca il 2,8% del Comune di Verbania contro il 29,5% di Enna.
    Comune di Messina. Dei dirigenti vengono pubblicati soltanto gran parte degli indirizzi e-mail, mentre mancano del tutto le retribuzioni, i curricula e le informazioni sulle assenze.
    (06 gennaio 2010)
  • I Comuni siciliani virtuosi e le norme di riferimento -
    Gli Enti pubblici sono obbligati a rendere i dati “facilmente reperibili”. Siracusa batte tutti con appena il 9,24 % di assenze
    (06 gennaio 2010)
  • Sembra si sia già spento lÂ’atteso effetto-Brunetta -
    Per il ministero, è dovuto alla ripresa di “comportamenti opportunistici”. In aumento il numero dei “malati” nelle Pa della Sicilia
    (06 gennaio 2010)


comments powered by Disqus