Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sembra si sia già spento l’atteso effetto-Brunetta
di Luca Insalaco

Per il ministero, è dovuto alla ripresa di “comportamenti opportunistici”. In aumento il numero dei “malati” nelle Pa della Sicilia

Tags: Assenteismo, Renato Brunetta, Sicilia, Pa



PALERMO – Nel mese di ottobre il numero di assenze per malattia nella Pa è generalmente tornato a salire rispetto a un anno fa. Nel monitoraggio condotto dal Ministero per l’Innovazione pubblica sono solo due le amministrazioni siciliane che vanno in controtendenza: la Provincia di Trapani con un meno 20,2% di assenze per malattia dei dipendenti rispetto al mese di ottobre 2008. Più contenuto ma comunque degno di nota il dato del Comune di Enna, che nel mese di ottobre ha fatto registrare una contrazione delle assenze pari all’1,2%.

Il resto delle rilevazioni relative ai Comuni capoluogo e alle amministrazioni provinciali è contrassegnato dal segno positivo: 12% il Comune di Siracusa; 12,1% il Comune di Palermo; 11,6% la Provincia di Caltanissetta; 13,9% la Provincia di Catania; 18% la Provincia di Messina; 28% la Provincia di Ragusa; 28,3% il Comune di Catania; 29,4% la Provincia di Agrigento; 43,6% il Comune di Ragusa; 52,2% la Provincia di Palermo; 55,8% il Comune di Agrigento; 57,1% la Provincia di Enna.

Dall’elenco dei dati più significativi relativi alle amministrazioni siciliane con almeno 50 dipendenti, pubblicato sul sito istituzionale del ministero (www.innovazionepa.gov.it), emergono poi i dati di piccoli centri come il Comune di Santa Caterina di Villarmosa, nel nisseno, al top per il calo delle assenze per malattia con un meno 64,2% rispetto all’ottobre del 2008, seguito dai Comuni di Partanna (meno 60,3%), Casteldaccia (meno 60,2%), Fiumefreddo di Sicilia (meno 55,8%) e Naro (meno 54%). Per il Ministero le ragioni del trend crescente di assenze vanno ravvisate, oltreché nel picco influenzale, nell’aggiustamento dei comportamenti individuali e nella ripresa dei “comportamenti opportunistici”.

Articolo pubblicato il 06 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Enti locali: assenteismo e omertà -
    Trasparenza. Quei dati scoraggianti e quelli ancora nascosti.
    Pareggio. Il confronto sulle presenze sul posto di lavoro con le città “gemelle” del Nord si è chiuso in parità. Spicca il 2,8% del Comune di Verbania contro il 29,5% di Enna.
    Comune di Messina. Dei dirigenti vengono pubblicati soltanto gran parte degli indirizzi e-mail, mentre mancano del tutto le retribuzioni, i curricula e le informazioni sulle assenze.
    (06 gennaio 2010)
  • I Comuni siciliani virtuosi e le norme di riferimento -
    Gli Enti pubblici sono obbligati a rendere i dati “facilmente reperibili”. Siracusa batte tutti con appena il 9,24 % di assenze
    (06 gennaio 2010)
  • Sembra si sia già spento l’atteso effetto-Brunetta -
    Per il ministero, è dovuto alla ripresa di “comportamenti opportunistici”. In aumento il numero dei “malati” nelle Pa della Sicilia
    (06 gennaio 2010)


comments powered by Disqus