Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Gas inerti di uso alimentare valido supporto per la nostra salute
di Redazione in collaborazione con Golden Star Italia

L’ing. Piticchio ci parla di un sistema rivoluzionario



In tema di applicazioni industriali dei gas inerti di qualità alimentare per sconfiggere calcare e biofilm, abbiamo sentito l’opinione professionale dell’ing. Lucio Piticchio, esperto in materia, al quale chiediamo un autorevole parere in tema di pericoli per la salute dell’uomo derivanti dalla cattiva qualità dell’acqua.
Ing. Piticchio, più volte alle nostre domande in tema di igienizzazione degli impianti idrici lei ha risposto parlandoci di un nuovo efficacissimo rimedio scientifico, rappresentato dall’immissione di gas alimentari inerti nella rete idrica per rimuovere il calcare e l’insidiosissimo biofilm.
Siamo certi di poter stare tranquilli dal punto di vista della salute se tale metodo viene applicato? Quali sono i pericoli che corriamo se non vengono utilizzati tali nuovi sistemi?
“La ringrazio per la domanda molto interessante che mi consente di fare luce ancora una volta su alcuni aspetti che spesso trascuriamo, che riguardano l’acqua che consumiamo e la nostra salute. Spesso infatti non ci rendiamo conto che a casa consumiamo notevoli quantità d’acqua, bevendola o utilizzandola per cucinare i nostri pasti, senza preoccuparci di conoscere la quantità di sali in essa sciolta. Infatti, quando i sali sono in eccesso aumenta la probabilità di sviluppare da parte di soggetti predisposti quelli che comunemente chiamiamo calcoli renali, patologie assai dolorose e a volte molto gravi.
Inoltre, eccessiva durezza di acqua può causare l’insorgenza di fastidiose irritazione della nostra pelle, specie in soggetti particolarmente dedicati come ad esempio i nostri bambini”.
Esistono altri rischi per la nostra salute legati a calcare eccessivo e biofilm?
“Certamente, come già sapete, il rischio più grave è rappresentato dalla temibilissima infezione causata dal batterio Legionella che viene comunemente chiamata Legionellosi, che può contrarsi respirando acqua contaminata diffusa in aerosol, la tipica condizione nella quale quotidianamente ci veniamo a trovare quando facciamo la doccia.
La malattia, infatti si contrae con la penetrazione degli agenti patogeni nel nostro organismo attraverso le mucose delle nostre prime vie respiratorie per raggiungere successivamente i polmoni laddove causano gravissime patologie che spesso, in un primo momento, possono essere scambiate per comuni e meno gravi forme influenzali.
Ancora una volta, pertanto, la soluzione è ricorrere a soluzioni di gas inerti di uso alimentare, straordinario baluardo a difesa della nostra salute!”
 

Articolo pubblicato il 23 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus