Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Bando da 346 milioni di euro per servizio di raccolta rifiuti
di Redazione

Domande da presentare entro il 14 febbraio. Deserte le precedenti gare

Tags: Catania, Rifiuti



CATANIA - È stato pubblicato ieri sul sito istituzionale del Comune di Catania il bando per il servizio di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti differenziati e indifferenziati del Comune.
 
L'importo del servizio, per i sette anni previsti, è di 346 milioni di euro. Le domande potranno essere presentate entro il prossimo 14 febbraio. I precedenti bandi di gara, del gennaio dello scorso anno e del settembre 2017, erano andati deserti a causa dei requisiti richiesti alle aziende, considerati troppo stringenti e poco incentivanti dalle aziende stesse e delle associazioni di categoria, mentre adesso, secondo quanto riferito dall’assessore D’Agata al QdS lo scorso 21 dicembre sono state effettuate “modifiche tecniche che dovrebbero fare superare eventuali questioni che sono state rappresentate”.
 
"Il bando - ha ricordato il sindaco di Catania Enzo Bianco -, messo a punto seguendo i protocolli di Vigilanza collaborativa con l'Anac, è stato concepito per far sì che il servizio di raccolta dei rifiuti nella nostra città possa fare finalmente un decisivo salto di qualità".
"Auspichiamo - ha aggiunto l'assessore all'Ecologia e alla Legalità Rosario D'Agata - che vi sia una partecipazione di ditte interessate in possesso dei requisiti da noi richiesti per far sì che il servizio si innalzi a poco a poco fino al livello di quello delle maggiori città europee".
 
Una volta avviato il servizio, però, si dovranno fare i conti con la penuria di discariche della provincia, anche se, come ha detto sempre D’agata al nostro giornale poco meno di un mese fa, “questo è un problema di tutti e 28 i comuni del bacino dell’area metropolitana”. Tra l’altro lo stesso presidente della Regione, Nello Musumeci, ha lanciato l’ultimo allarme proprio ieri: “"In Sicilia le discariche pubbliche e private sono al collasso, hanno 7-8 mesi di autonomia”.

Articolo pubblicato il 10 gennaio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐