Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Metro, in sette anni collegati anche hinterland e aeroporto
di Melania Tanteri

Il commissario Fce fa il punto sulle nuove tratte: “Attendiamo da Bruxelles 402 milioni di euro per la Stesicoro-aeroporto”. Entro fine mese il bando per Misterbianco, si cercano i fondi per Paternò

Tags: Catania, Metropolitana, Fce, Virginio Di Giambattista



CATANIA - In pochi anni potrebbe cambiare profondamente la mobilità e la viabilità cittadina. I finanziamenti, oltre che la volontà di completare un’opera fondamentale e strategica sembrerebbero esserci quasi tutti e, salvo intoppi e rallentamenti, la metropolitana di Catania nel giro di pochi anni potrebbe arrivare non solo all’aeroporto, ma anche nell’hinterland.
 
Lo conferma il commissario governativo della Ferrovia Circumetnea, Virginio Di Giambattista, che illustra tempi e finanziamenti delle tratte che dovranno essere realizzate nei prossimi anni. A partire da quella per collegare il centro storico della città con lo scalo aeroportuale. “Per la Stesicoro-aeroporto - afferma l’esponente del Ministero dei Trasporti - da programma occorreranno 402 milioni. Stiamo attendendo il via libera da Bruxelles - prosegue - per ottenere questi fondi che si sommeranno ai 92 milioni di provenienza ministeriale, già stanziati”.
 
Attualmente, è stata consegnata alla ditta aggiudicatrice “Cmc” di Ravenna la vasta area di cantiere di via Palermo necessaria per la costruzione della tratta Stesicoro-Palestro (il lotto dovrebbe entrare in esercizio entro il 2020): prima parte della più lunga tratta verso lo scalo etneo, che dovrebbe essere completata entro il 2023/24.
 
Nel frattempo, però, si lavora anche sull’altro fronte, quello della tratta fino a Misterbianco, per cui di recente sono stati stanziati 190 milioni dal Cipe. Nel giro di pochi mesi la metropolitana potrebbe quindi arrivare dal centro del Paese limitrofo a Catania ma occorrerà attendere ancora per il finanziamento della tratta fino a Paternò.
 
“Entro la fine del mese - afferma ancora Di Giambattista - sarà pubblicato il bando. Sono già disponibili 124 milioni per la tratta Monte Po - Misterbianco - precisa. Sono già deliberati i 115 milioni per la Misterbianco - Piano Tavola, mentre occorre ancora trovare il finanziamento per portare i treni fino a Paternò”.
 
Novità interessanti, infine, per quanto riguarda l’adeguamento degli ascensori, alcuni dei quali ancora non funzionanti, e per quanto riguarda l’apertura della stazione di Cibali, come ci spiega il dirigente tecnico della Ferrovia Circumetnea, Salvatore Fiore. “Per quanto riguarda gli ascensori - afferma il dirigente - stiamo per aggiudicare la gara. è questione di settimane - continua - ed è nostro obiettivo installare gli ascensori nuovi entro il primo semestre del 2018. Per quanto riguarda Cibali - aggiunge - la questione è strettamente legata alla ditta che sta effettuando i lavori, la Tecnis. Potremmo aprire la stazione entro il mese di marzo - conclude - ma si potrebbero verificare dei ritardi”.

Articolo pubblicato il 12 gennaio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐