Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Voucher per digitalizzazione, presto il via
di Rosario Battiato

Da ieri è disponibile la piattaforma online. Bisognerà aspettare il 30 gennaio (e fino al 9 febbraio) per l’invio. A disposizione ci sono 100 milioni di euro per le Pmi per interventi massimali da 10 mila euro

Tags: Pmi, Impresa, Digitalizzazione, Sicilia, Mise, Voucher



PALERMO – Da ieri è possibile accedere alla piattaforma per compilare la domanda dei voucher per la digitalizzazione delle Pmi. Per la trasmissione dei dati, invece, bisognerà attendere il 30 gennaio e ci sarà tempo fino al 9 febbraio. Il voucher è destinato all’acquisto di hardware, software e servizi specialistici per digitalizzare i processi aziendali e favorire l’ammodernamento tecnologico. A disposizione ci sono 100 milioni di euro e ogni impresa può beneficiare di un unico voucher dal valore complessivo di 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili. È prevista, inoltre, anche una riserva destinata alle imprese che hanno conseguito il rating di legalità, uno strumento introdotto nel 2012, che promuove la promozione e l’introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale
 
Andando più in dettaglio, il voucher è utilizzabile per l’acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di raggiungere determinati benefici elencati in una nota dal ministero dello Sviluppo economico: migliorare l’efficienza aziendale; modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro; sviluppare soluzioni di e-commerce; fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare; realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.
 
Il funzionamento del meccanismo è spiegato nel decreto direttoriale del 24 ottobre 2017, all’interno del quale sono state definite le modalità e i termini di presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni. Per l’accesso è richiesto il possesso della Carta nazionale dei servizi e di una casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva e la sua registrazione nel Registro delle imprese.
 
Termini specifici per l’assegnazione definitiva e dell’erogazione del Voucher: l’impresa iscritta nel provvedimento cumulativo di prenotazione deve presentare, entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese e sempre tramite l’apposita procedura informatica, la richiesta di erogazione, allegando, tra l’altro, i titoli di spesa. A quel punto, in seguito alle verifiche istruttorie previste, il ministero fissa con proprio provvedimento l’importo del Voucher da erogare in relazione ai titoli di spesa risultati ammissibili.
 
Per prenotarsi c’è una sola via di accesso: l’apposita procedura informatica (agevolazionidgiai.invitalia.it) che si trova accendendo alla sezione “Accoglienza Istanze” e cliccando sulla misura “Voucher per la digitalizzazione”. Non c’è un ordine cronologico di presentazione e le domande ricevute nel periodo di trasmissione “sono considerate come pervenute nello stesso momento”. A tal proposito, in caso in cui “l’importo complessivo dei Voucher concedibili sia superiore all’ammontare delle risorse disponibili, il Ministero procede al riparto delle risorse in proporzione al fabbisogno derivante dalla concessione del Voucher da assegnare a ciascuna impresa beneficiaria”.

Articolo pubblicato il 16 gennaio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus