Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Franchising in crescita in Italia ma in Sicilia ruolo marginale
di Chiara Borzì

Osservatorio Federfranchising: nel 2017 fatturato di 24,2 mld (+0,9% rispetto al 2016). Brilla la Lombardia. Nell’Isola 1.485 imprese (il 2,9% del totale nazionale). Campania leader al Sud

Tags: Franchising, Impresa



ROMA – È di 24,2 miliardi il fatturato del franchising in Italia, lo dicono le stime diffuse dall’Osservatorio Federfranchising di Confesercenti a gennaio 2018, sancendo così la positività di un settore definito già una “formula di successo”. Rispetto il 2016 il franchising ha fatto registrare un crescita, flebile perché pari allo 0,9% per cento, ma comunque un incremento durante un periodo congiunturale non felice. I franchisor - si chiamano così quanti hanno firmato un contratto commerciale di affiliazione - sono aumentati sia sul territorio nazionale che all’estero, ovvero fuori dai confini nazionali sono aumentate le insegne aperte nate in Italia. All’interno dei nostri confini sono presenti quasi un milione di franchisor attivi e 51.260 le imprese franchisee in vita, il tutto per una crescita rispettiva del 2,7 per cento e dell’1 per cento, mentre all’estero sono ormai 200 le attività franchising in attività nate nel Belpaese (+8,7 per cento rispetto il 2012).

A livello regionale resta marginale il ruolo della Sicilia. L’incidenza franchisee è bassa e sfiora il 2,9 per cento grazie alle 1.485 imprese presenti. La Campania è riferimento del settore a Sud grazie ad un’incidenza del 7,2 per cento favorito da quasi 4 mila imprese presenti, segue la Puglia con una percentuale del 3,6 per cento e oltre 1.800 imprese in vita, poi la Sicilia con i dati già evidenziati e successivamente un insieme di regioni in cui le stime appaiono davvero basse: 2,1 per cento Abruzzo, 1,8 Calabria, 1,5 per cento Sardegna, 0,9 la Basilicata fino allo 0,6 per cento del Molise.
 
Poco meno di un terzo del franchising tricolore (28,8 per cento) opera in Lombardia, regione – secondo quanto riportato dal report curato da Federfranchising – capitale dell’affiliazione italiana. Seguono Lazio (14 per cento), Veneto (11 per cento), Emilia-Romagna (8,8 per cento) e il buon dato della Campania (7,2 per cento).
 
“Il franchising è il settore di commercio e servizi che ha le maggiori chance di crescita – ha spiegato la presidente di Confesercenti Patrizia De Luise -. Uno sviluppo che, per forza di cose, avrà sempre più a che vedere con le moderne tecnologie. L’affiliazione commerciale riunisce più imprese molto diverse tra loro per tipologia e dimensione e l’impegno di Confesercenti sarà quello di trovare le soluzioni giuste per ciascuna”.
 
La Sicilia, tramite Confesercenti, ha vissuto una fase importante d’interessamento ormai due anni fa quando nella sede di Palermo fu organizzata una conferenza stampa che ha avuto per ospiti i rappresentanti nazionali di Federfranchising. In quell’occasione è stata favorita la conoscenza di servizi e opportunità date dal franchising e presentate ad pubblico composto esclusivamente da esercenti siciliani una best practice (Don Gelato & Coffee) e tutte le opportunità per i franchisor e i franchisee. Fu annunciata anche la nascita dei Franchising Point anche in Sicilia, senza nascondere la necessità di rafforzare il sostegno a chi di franchising si occupa in Sicilia da tempo.

Articolo pubblicato il 13 febbraio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus