Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Le città italiane da non perdere nel 2018
di Redazione

Una delle destinazioni più amate dai viaggiatori italiani, capace di offrire esperienze culturali, sportive e pensate per la famiglia



in collaborazione con ITALPRESS
 
ROMA - Scorci senza tempo e panorami che rimangono nella memoria, ma anche novità da non perdere tra aperture o anniversari importanti: Skyscanner.it ha selezionato alcune città italiane da vedere nel 2018, ricche di novità ed eventi, perfette da scoprire in ogni momento dell’anno, magari come parte di un itinerario a quattroruote.
 
Milano  
Ogni anno stupisce con colpi di scena, eventi confezionati “su misura” e nuove aperture stellari. A proposito, la capitale meneghina si prepara a spalancare le porte del nuovo Museo d’Arte etrusca presso il Palazzo Rizzoli-Bocconi-Carraro, in corso Venezia 52. Questo super progetto della Fondazione Luigi Rovati sarà pronto per la fine dell’anno con una collezione di vasi etruschi in uno spazio riqualificato che promette emozioni forti e grandi suggestioni. Dopo una visita della città, si può noleggiare un’auto per una gita fuori porta, magari lungo le sponde del Lago Maggiore. Da non perdere le Isole Borromee e la Rocca di Angera, che apriranno al pubblico dal 28 marzo 2018.
 
Parma  
Fresca Capitale italiana della Cultura per il 2020, è anche una mecca della gastronomia italiana, un tempio di leccornie tutte da degustare a partire da sua maestà il prosciutto, che viene omaggiato ogni settembre con il Festival del prosciutto di Parma. E poi ci sono il culatello, il parmigiano, la coppa, il salame, la trippa, il bollito e il Lambrusco! Tornando alla cultura, la città merita una visita per le sue gemme artistiche come il Duomo e il Battistero, ma anche per le sue bellezze naturalistiche come il Parco Fluviale Regionale del Taro. Una città che è anche un ottimo punto di partenza per scoprire Fontanellato, con un road trip di una manciata di chilometri. Il borgo fiabesco attende i visitatori con una novità: il Labirinto della Masone, il più grande al mondo, che ha aperto soltanto la scorsa primavera.
 
Trieste 
Finché la barca va, stai a guardare... Così recitava la famose canzone di Orietta Berti, e così possono fare i turisti in quel di Trieste, quando tira forte il vento e le vele spiegate colorano il cielo del Golfo. Se la Barcolana è un buon motivo per visitare questa bella città italiana, consigliamo di raggiungerla il 14 ottobre 2018 in occasione della 50^ edizione di questa regata storica. Gli amanti del mare possono trovare poi fino al primo maggio una grande mostra “Nel mare dell’intimità. L’archeologia subacquea racconta l’Adriatico”, ospitata nell’ex Pescheria-Salone degli Incanti, per un viaggio negli abissi triestini, che tra l’altro hanno restituito di recente il relitto della corazzata costiera Wien affondato nel 1917.
 
Pesaro  
Il 2018 è l’anno di Pesaro, o meglio del grandioso compositore italiano de “Il Barbiere di Siviglia” Gioachino Rossini, nato in questa città nel 1782. Il centro marchigiano festeggia così l’anniversario dei 150 anni dalla sua morte con grandi eventi e spettacoli lungo il corso di tutto l’anno: bisogna tenere d’occhio il calendario cittadino e partite alla scoperta di Pesaro e provincia, che ne avrà delle belle, per melomani e non. A cominciare dall’itinerario rossiniano dalla sua casa natale, oggi Museo, per continuare nel suo prestigioso Teatro Nuovo e fate tappa al Tempietto, nel Palazzo Olivieri, dove oggi ha sede la Fondazione Rossini. Il culmine dei festeggiamenti sarà in occasione del Rossini Opera Festival, dal 11 al 23 agosto, per un’immersione totale nelle arti. Da Pesaro poi si può organizzare una gita nella vicina San Marino, la Repubblica più antica del mondo.
 
Palermo
La città siciliana vive il suo anno da protagonista, incoronata Capitale italiana della Cultura per il 2018 dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo. Un titolo meritato viste le sue bellezze monumentali, le tradizioni antiche e le gemme naturali. Chi vi si reca per la prima volta non deve farsi scappare la maestosa Cattedrale, dedicata alla Santa Vergine Maria Assunta in Cielo e decorata in stile normanno. Un edificio Patrimonio Unesco che va visto almeno una volta nella vita, per lo meno in quella di un turista che si rispetti.
Per chi vi ritorna, consigliamo di noleggiare una macchina ed esplorare i suoi fantastici dintorni, partendo dal Duomo di Monreale, attraversando Bagheria e tirando fino a Cefalù, una perla balneare dal fascino medievale.

Articolo pubblicato il 20 febbraio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus