Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Operativo sul sito del Comune il Sistema di identità digitale
di Gaspare Ingargiola

I cittadini già in possesso di Spid possono utilizzare con questo sistema i servizi offerti dall’Ente. Digitalizzazione nell’ottica di un dialogo sempre più efficiente con la Pa

Tags: Palermo, Spid, Agid



PALERMO - Da questa settimana anche i palermitani potranno accedere a Spid, il Sistema pubblico di identità digitale, sul sito del Comune. Frutto della collaborazione tra il Servizio Innovazione, l’Area Servizi alla Città e la partecipata Sispi, permette a chi è già in possesso di un’identità digitale (sulla base delle regole stabilite dall’Agenzia per l’Italia digitale) di potere effettuare l’accesso alla piattaforma web istituzionale utilizzando i servizi digitali erogati dall’Amministrazione.
 
La novità, grazie alla convenzione che il Comune ha siglato il 10 luglio 2017 con l’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), è stata presentata presso l’assessorato all’Innovazione dal sindaco Leoluca Orlando, dall’assessore Iolanda Riolo e da Gabriele Marchese, di recente nominato comandante dei vigili urbani ma che ha mantenuto la delega all’Innovazione.
 
L’identità digitale unica permette di accedere, in maniera semplice, veloce e sicura, a tutti i siti e i servizi online delle Pubbliche amministrazioni italiane che hanno aderito a questo sistema di identificazione digitale - prenotazioni sanitarie, iscrizioni scolastiche, accesso alla rete wi-fi pubblica - con un unico nome utente e un’unica password, e da qualsiasi dispositivo (computer, tablet e smartphone). Il sistema assicura la piena protezione dei dati personali secondo le normative italiane ed europee in materia di privacy e tutela di dati. Sarà possibile indicare una Pec come domicilio digitale per le notifiche, come prevede l’ultima versione del Codice dell’amministrazione digitale.
 
Per Palazzo delle Aquile “l’uso graduale dell’identità digitale determinerà un impatto positivo sulla mobilità cittadina e sull’ambiente, permettendo la gestione via internet di prenotazioni e pagamenti, senza più la necessità di recarsi fisicamente nei luoghi preposti tradizionalmente allo svolgimento di tali servizi”. A indicare ai cittadini le manovre da compiere per ottenere l’identità digitale ci pensa l’Agid sul portale del Governo dedicato.
 
“L’attivazione operativa di Spid – hanno sottolineato ancora dal Comune - si unisce al già esistente servizio di pagamento elettronico della Tari e delle sanzioni per violazioni al Codice della Strada, che è possibile effettuare nella piattaforma istituzionale grazie all’adesione del Comune di Palermo al sistema nazionale PagoPa”. Senza dimenticare che “sono in corso i lavori per la migrazione, entro il 2018, dell’Anagrafe locale della popolazione all’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr)” in ottemperanza “al Piano triennale dell’Informatica per la Pubblica amministrazione 2017-2019 redatto dall’Agid e al quale tutte le Pubbliche amministrazioni sono tenute ad adeguarsi”.
 
“Palermo - ha detto l’assessore Iolanda Riolo - oggi può essere orgogliosa. Questo risultato è merito della squadra di professionisti che ho trovato quando mi sono insediata. A luglio abbiamo aderito ad Agid e in pochi mesi siamo già in linea: Palermo può finalmente ritenersi una città normale anche da questo punto di vista. Siamo una delle città più cablate d’Italia e questa non è una coincidenza: per noi l’inclusione e la diffusione culturale sono fondamentali”.
 
“Spid - ha spiegato Marchese - è l’identificativo unico nazionale che consente a tutti i cittadini d’Italia di accedere ai servizi online. Palermo è tra le prime città capoluogo di regione e di provincia che ha messo a posto il suo sistema in conformità alle direttive del Piano nazionale dell’Agid per il passaggio al digitale nazionale. Siamo una città riferimento per le altre. È un altro tassello nei servizi per il cittadino. Questo servizio si aggiunge a PagoPa che consente a tutti i cittadini di pagare le multe e rendicontare in tempi brevi. Preannuncio che la prossima settimana inseriremo altri servizi online rispetto al controllo delle multe”.
 
“Intendiamo coniugare – ha commentato il sindaco Orlando - attenzione umana e innovazione e l’identità digitale è un passaggio obbligato: un modo con il quale è possibile, con un’unica chiave di accesso, usufruire dei servizi resi da differenti amministrazioni e istituzioni. Il Comune di Palermo è inserito dentro questa rete, destinata a diventare sempre più ampia ed efficiente. Spid consente non solo di accedere ai servizi dell’Amministrazione di Palermo ma di tutte le istituzioni già collegate attraverso questo sistema. Palermo è più avanti di tante altre città, con un anticipo di undici mesi rispetto ai termini di scadenza indicati dall’agenda digitale”.

Articolo pubblicato il 22 febbraio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus