Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo -"La faglia non creerà problemi", Bellolampo verso l'ampliamento
di Redazione

I risultati dello studio geologico, geomorfologico e geofisico dell’Università sui lavori in discarica. In ballo il futuro del progetto per la realizzazione della settima vasca del sito

Tags: Palermo, Rifiuti, Leoluca Orlando, Bellolampo, Discarica



PALERMO – La gestione dei rifiuti in città continua a essere strettamente legata al destino della discarica di Bellolampo, per cui da tempo si attende il via libera ai lavori destinati alla realizzazione della settima vasca. Una questione su cui la Rap, nella giornata di ieri, ha voluto fare un punto della situazione. “In attesa della conferenza decisoria per l’ottenimento dell’Autorizzazione integrata ambientale(Aia) sul progetto definitivo della settima vasca – hanno fatto sapere dall’azienda - l’assessorato Regionale Territorio e Ambiente, ha chiesto di integrare la documentazione, con un adeguato studio geologico. La Rap, presieduta da Sergio Vizzini, ha proceduto tempestivamente a chiedere formale approfondimento all’Università degli Studi di Palermo, con un’apposita convenzione con il dipartimento Scienze della Terra e del Mare, per verificare se la faglia, cartografata nella carta geologica del progetto definitivo della VII vasca della piattaforma di Bellolampo, sia attiva”.
 
“L’Università – hanno aggiunto da Rap - dopo indagini sul campo di tipo geologiche, geomorfologiche e geofisiche condotte sia all’interno dell’area di progetto che nelle aree limitrofe, ha accertato che la faglia segnalata dalle prescrizioni del Dipartimento regionale Ambiente è localizzata al di fuori dell’area individuata dal progetto: ‘Ad alcune decine di metri a Sud-Est del sito indicato’ e che comunque risulta con ragionevole certezza non ‘attiva e non capace’ e quindi non sussiste nessun fattore ostativo alla realizzazione della VII vasca”.
 
Lo studio è stato illustrato dal professore Attilio Sulli (professore associato di Geologia stratigrafica e Sedimentologica) con la sua equipe di geologi e geofisici, nella sede della Rap di piazzetta Cairoli, alla presenza del presidente della Rap Sergio Vizzini, dell’assessore comunale Gaspare Nicotri con delega alla gestione della discarica di Bellolampo, del responsabile Rup della VII vasca, Antonio Putrone.
 
“Esprimo soddisfazione – ha detto Vizzini - per l’esito favorevole di questo pregevole studio condotto in tempi rapidi dall’Università, che costituisce un altro importante tassello nella realizzazione della settima vasca”.
 
“Nessun ostacolo – ha detto il sindaco Leoluca Orlando - per la realizzazione della vasca. Le indagini statistiche e le relative analisi, convergono tutti in questa direzione. In piena sintonia con l’Università e con grande spirito di collaborazione, si attendono ora gli interventi di competenza della Regione e del commissario nominato dal Governo nazionale per attivare l’iter affinché la città di Palermo e i comuni della Sicilia occidentale scongiurino lo stato di emergenza”.
 
L’incontro su Bellolampo è servito anche a fare il punto sulla differenziata in città. Rap ha fatto sapere che nella seconda decade di marzo sarà avviato il secondo step di “Palermo differenzia 2” nei quartieri Politeama, Massimo, con il coinvolgimento di 8.585 famiglie e 20.000 abitanti. L’azienda ha inoltre sottolineato gli “ulteriori progressi” nel trend evolutivo della raccolta differenziata nell’area del porta a porta di “Palermo Differenzia 1”, passando dal 37% di dicembre, al 42 % di gennaio e superando il 50% a febbraio.

Articolo pubblicato il 28 febbraio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus