Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Faraone: "Abbiamo perso le elezioni ma non la dignità"
di Raffaella Pessina

Bufera in casa Pd dopo le dichiarazioni su Facebook del neoeletto senatore. Polemico Greco: “Chieda scusa al partito, sua arroganza già punita”

Tags: Pd, Sicilia, Davide Faraone



PALERMO - Il Partito Democratico si trova a fare i conti con i deludenti risultati ottenuti alle ultime elezioni nazionali.
Davide Faraone, fedelissimo di Renzi nel Pd ed appena eletto senatore affida a Facebook il suo commento dopo le elezioni nazionali di domenica 4 marzo.
 
Faraone ha scritto un lungo post specificando di voler parlare di cinque argomenti. “Primo: grazie alla squadra…. resistere alle fake news, agli odiatori di professione, alle promesse ingannevoli, e a tutti quelli che hanno remato contro, non era una missione semplice. Abbiamo perso le elezioni, ma non abbiamo perso la dignità. Secondo: chi perde ne prende atto, rispetta il voto degli italiani e promette opposizione dura e costruttiva, nell'interesse esclusivo degli italiani”. Il terzo punto sono le sue indicazioni sul futuro del Pd. “Il partito è uno strumento, non un fine, è utile se fa qualcosa e non se garantisce qualcuno. Il prossimo congresso dovrà indicare una via, avere una visione e una squadra. è il momento della chiarezza”. Il quarto punto ha riguardato la necessità di recuperare il rapporto con l’elettorato del Mezzogiorno, che di fatto ha stabilito una migliore connessione con il Movimento Cinquestelle, visto che i voti al Sud sono andati tutti al partito di Di Maio.
Il quinto argomento è stato riservato ai ringraziamenti a chi lo ha eletto. Insomma, il Pd cerca di rimettere in piedi i cocci di un partito che è imploso soprattutto nei mesi che hanno preceduto le elezioni sia regionali che nazionali, dimostrando la necessità di ritrovare, attraverso accordi interni, quella concordia tra le varie anime, pena la sua definitiva scomparsa.
 
Immediata è arrivata la replica dei Partigiani Dem, per voce di Carmelo Greco. “Il messaggio di Davide Faraone è ancora una volta carico di arroganza e implicite minacce di guerriglia. Ancora una volta odio politico, puramente divisivo”.
I dem si aspettavano delle scuse che non sono arrivate.
 
“Ci saremmo aspettati che Davide Faraone chiedesse scusa al PD, ai suoi militanti, alla sua gente. Un bagno di umiltà doveroso invece di un rilancio da ‘spadaccino’ che servirà a galvanizzare qualche ‘fedayn’ ma produrrà l’ennesimo danno al Pd. La linea politica condotta da Renzi e Faraone, che prevedeva un partito autobus, senza identità e distante dal profilo di partito di centrosinistra, ha fallito. In alcuni casi il silenzio è più dignitoso”.

Articolo pubblicato il 08 marzo 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus