Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Mantenimento dell'automobile in Italia 1.515 euro pro capite
di Redazione

SosTariffe.it: a incidere maggiormente sul costo fisso annuo per l’auto è la spesa carburante. La Campania è la regione coni salassi maggiori (2.156 €), in Sicilia 1.459 €

Tags: Auto



PALERMO - Contrariamente a quanto si possa pensare non è l’assicurazione auto a incidere maggiormente sulla spesa fissa annua che si deve sborsare per mantenere l’automobile: secondo l’ultimo osservatorio di SosTariffe.it ogni anno, in media, gli italiani spendono 1.515 euro per poter rispettare tutti gli obblighi di legge in materia di auto e utilizzare la propria vettura. Tra le voci di costo che incidono di più c’è il costo per il carburante, mentre la regione dove si spende la cifra più alta è la Campania. Per ricavare una stima il più verosimile possibile, SosTariffe.it ha effettuato tutte le rilevazioni prendendo come auto di riferimento, una tra le più vendute in Italia: la Panda. Tra le evidenze dei dati presentati da SosTariffe.it c’è il dettaglio dei dati per tutte le regioni italiane, ordinate in base al costo annuo totale che in media di spendono per l’auto. La Campania è la regione con i salassi maggiori: qui il costo è di 2.156 euro, di cui il 44% è destinato all’assicurazione auto (941 euro), il 38,4% al carburante (828 euro) e il restante 9% (194 euro) viene impiegato per sovvenzionare il bollo auto e la revisione.
 
Il Friuli Venezia Giulia è la regione con il costo fisso annuo per l’auto più basso. Qui guidare una macchina sembra essere davvero conveniente: 1.117 euro all’anno (circa 400 euro in meno rispetto alla media nazionale). Tra le altre regioni dove la vita degli automobilisti sembra essere più economica troviamo la Valle D’Aosta (1.260 euro) e l’Emilia Romagna (1.314 euro).
 
Come già accennato la spesa che incide maggiormente (circa il 52,6%) sul costo annuo per l’auto è quella che viene impiegata per rifornire di carburante l’auto. La regione con la spesa maggiore pare essere, secondo la rilevazione di SosTariffe.it, il Molise. In quest’area si spendono ogni anno circa 1.174 euro per il carburante (pari a circa il 62,6% del costo annuo complessivo per l’auto).
Questo dato non dipende tanto dal costo della benzina, che in Molise è in linea con la media italiana, ma quanto per il numero di km percorsi in auto dagli abitanti di questa regione, 15.000 circa, tra i più alti d’Italia.
 
Tra le altre regioni dove la spesa per il carburante supera i 1.000 euro annui, troviamo l’Umbria (1,162 euro e 15.000 km annui percorsi) e il Veneto (1.061 euro annui spesi in benzina per percorrere oltre 13.900 km).
 
A risparmiare di più alla stazione di rifornimento sono i guidatori di Sicilia, Lazio, Marche, Liguria, Valle d'Aosta e Friuli-Venezia Giulia dove il costo per la benzina non arriva ai 700 euro annui. Nonostante rappresenti circa il 24,8% della spesa totale annua per l’auto, l’assicurazione non è quella che ha più peso su questi costi fissi. Nel nostro Paese mediamente si spendono 375 euro (dato riferito alla Fiat Panda) per assicurare un autoveicolo, e la regione, da sempre, dove questo costo è più alto è la Campania.
 
Qui la spesa supera i 940 euro, ma non è sempre vero che più si sale al Nord e più questa voce di spesa si assottiglia. Anche se il Friuli Venezia Giulia rimane la regione con il costo RC più basso (appena 188 euro), tra le altre zone con le assicurazioni auto più convenienti troviamo la Basilicata (244 euro), l’Emilia Romagna (279 euro), l’Abruzzo (290 euro) e la Sardegna (293 euro). Bollo auto - tra le tasse più odiate dagli italiani - e revisioni incidono poco sulle spese fisse analizzate da SosTariffe.it: poco più dell’11%, con un costo medio di 171 euro. Le regioni dove questa spesa supera la media nazionale sono Campania, Abruzzo, (dove bollo e revisione hanno i costi più alti, 194 euro l’anno) e seguire Veneto, Calabria, Liguria, Lazio, Marche, Molise e Toscana.

Articolo pubblicato il 08 marzo 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus