Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I dati sono chiari: risanare le aree industrializzate
di Rosario Battiato

L’Isola suddivisa in due tipologie di zona in base ai valori emersi. Le rilevazioni: valori elevati di nichel, cadmio e mercurio

Tags: Ambiente, Inquinamento



PALERMO - I dati relativi alle emissioni - l’assessorato all’Industria li ha pubblicati fino al 2005 e a breve si attende un ulteriore aggiornamento - hanno sinora definito una quadro regionale non proprio roseo. Il territorio regionale siciliano è stato suddiviso in due tipologie di Zona: la Zona A di risanamento e la Zona B, che comprende il restante territorio. L’individuazione delle zone è derivata dall’ex art. 4 del D. Lgs. 3 agosto 2007, n. 152 per l’arsenico, il cadmio, il mercurio, il nichel e gli idrocarburi policiclici aromatici nell’aria. Ovviamente particolare rilevanza assumono l’area del cosiddetto Triangolo della morte e le zone vicine agli insediamenti industriali, comprensorio del Mela e tutte le aree nei pressi dei processi di raffinazione del petrolio.
Ecco l’elenco delle zone: Zona A1 (Zona palermitana) interessati i comuni di Capaci, Isola delle Femmine, Palermo, Torretta, Villabate, Zona A2 (Zona catanese) interessati i comuni di Catania e Misterbianco, Zona A3 (Zona siracusana) interessati i comuni di Augusta, Canicattini Bagni, Carlentini, Floridia, Melilli, Noto, Palazzolo Acreide, Siracusa, Solarino, Sortino, Priolo Gargallo;
Zona A4 (Zona messinese) interessato il comune di Messina, Zona A5 (Zona agrigentina) interessati i comuni di Porto Empedocle, Realmonte, Zona A6 (Zona del Mela) interessati i comuni di Barcellona Pozzo di Gotto, Condrò, Gualtieri Sicaminò, Merì, Milazzo, Monforte San Giorgio, Pace del Mela, Roccavaldina, San Filippo del Mela, San Pier Niceto, Santa Lucia del Mela, Torregrotta, Terme Vigliatore, Zona A8 (Zona Gela-Niscemi-Butera) interessati i comuni di Gela, Niscemi, Butera, Zona A9 (Zona singoli impianti) interessati i comuni di Modica e Pozzallo.

Articolo pubblicato il 13 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Pari emissioni Sicilia e Lombardia -
    Ambiente. Le conseguenze al lavoro sui combustibili fossili.
    Non solo PM10. La qualità dell’aria che si respira in Sicilia non è delle migliori. Colpa dell’inquinamento causato dall’industria pesante che si ripercuote anche nella produzione delle polveri sottili.
    Il paradosso. L’Isola ha un quarto delle industrie inquinanti della Lombardia, ma riesce spesso a superare la regione del Nord nei vari valori di emissioni, come benzene, ossido di zolfo e azoto.
    (13 gennaio 2010)
  • Le norme. I due decreti arrivati dopo richieste di oltre 5 anni fa - (13 gennaio 2010)
  • Se l’inquinamento attenta alla salute dei siciliani -
    Aumentano nell’Isola i casi di asma, soprattutto in età infantile. Lo studio: il problema atmosferico è di grande rilevanza
    (13 gennaio 2010)
  • I dati sono chiari: risanare le aree industrializzate -
    L’Isola suddivisa in due tipologie di zona in base ai valori emersi. Le rilevazioni: valori elevati di nichel, cadmio e mercurio
    (13 gennaio 2010)


comments powered by Disqus