Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ecco Bivongi, il "Borgo della longevità" luogo di spiritualità, natura e tradizioni
di Redazione

L’antico centro, in provincia di Reggio Calabria, ha ripensato la propria offerta turistica puntando su un “albergo orizzontale” 

Tags: Bivongi, Turismo



in collaborazione con ITALPRESS
 
BIVONGI (RC) – Un antico borgo della Calabria, adagiato ai piedi del Monte Consolino, nella vallata dello Stilaro, al confine Nord della provincia di Reggio Calabria, dove il turismo diventa esperienza. Conosciuto come il “Paese del vino” o il “Borgo della longevità”, Bivongi oggi è diventato anche un “Paese-albergo”, dove cresce il turismo esperenziale. Tra gli stretti vicoli del piccolo centro, gli abitanti hanno avviato attività e intrapreso iniziative per internazionalizzare il borgo attraverso un’offerta turistica studiata proprio per far vivere ai visitatori esperienze uniche legate a spiritualità, natura, storia e tradizioni.
 
“Bivongi – ha spiegato Franco Carnovale, responsabile del progetto ‘Borgo della longevità’ è uno dei borghi più longevi al mondo. Secondo uno studio statistico del 2016, su circa 1.300 abitanti c’erano cinque bivongesi ultracentenari. La stessa ricerca ha rilevato che nel paese l’indice di persone tra i 90 e i 99 anni era molto elevato, certamente superiore alla media. I motivi? Sicuramente legati allo stile di vita degli abitanti del luogo, al loro contatto con la natura e alla loro alimentazione”.
 
“Da circa tre anni – ha aggiunto - abbiamo creato un albergo orizzontale dislocato lungo il centro abitato, con l’obiettivo di intercettare i turisti stranieri che vogliono scoprire le bellezze della Calabria nei suoi aspetti culturali ed enogastronomici. Il progetto si basa su un modello di ospitalità diffusa e ha il doppio scopo di preservare il patrimonio architettonico del paese e rilanciare l’economia locale”.
Le antiche case in pietra sono state ristrutturate e riadattate per diventare camere per turisti. Gli edifici, che mantengono lo stile tradizionale, sono stati rinnovati con materiali ecocompatibili del luogo o provenienti dalle zone limitrofe. Secondo i responsabili del progetto, il turismo esperenziale di Bivongi si rivolge a due target: chi ama la natura e le attività a essa connesse e chi viaggia alla ricerca di una nuova spiritualità. Questo perché il borgo calabrese è anche ricco di edifici sacri dove si svolgono attività religiose molto sentite dalla popolazione, tra cui la “Festa della Madonna”.
 
La statua della Vergine è portata in processione dalla storica chiesa di Mamma nostra per i vicoli del centro, animati da iniziative collaterali, a pochi chilometri da Pazzano, dove il Santuario di Monte Stella è scavato nella roccia, e da Stilo, con la sua celebre Cattolica. La spiritualità è di casa anche al monastero di San Giovanni Theristis, unico monastero ortodosso in Italia che attira spesso l’attenzione dei visitatori.
 
Il paese nel corso del tempo ha perso parte dei suoi abitanti, ma i residenti hanno avviato diverse iniziative che stanno riportando in vita l’antico borgo. In estate turisti da ogni parte affollano le piazze del centro per assaggiare prodotti tipici come il Bivongi doc, uno dei vini rossi più apprezzati della Calabria, e la tradizionale pasta fatta in casa da gustare nei ristorantini tipici, senza dimenticare la sagra del vino o il mercato della Badia. Le associazioni culturali del luogo offrono il supporto di guide turistiche, mentre i servizi legati al progetto di rinascita del borgo comprendono escursioni a piedi, a cavallo, in bicicletta, su fuoristrada o motoape, alla scoperta della cultura locale.
 
Gli itinerari includono viaggi storici ed enogastronomici e tour a contatto con la natura, che spaziano dal mare alla montagna e, in particolare, prevedono trekking e altre attività come lo yoga da praticare anche ai piedi delle maestose Cascate del Marmarico, tra le più alte d’Italia.
 
Le esperienze uniche che il borgo offre permettono di scoprire una cultura antica e al contempo moderna, in un’atmosfera adatta sia al relax che all’avventura.
 

Articolo pubblicato il 03 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus