Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Amministrative, si paventa un nuovo stallo all'Ars
di Raffaella Pessina

Convenzione Regione-Vigili del Fuoco: oggi audizione in commissione Ambiente all’Ars. Oggi l’Ars riapre i battenti, di riforme ancora neanche l’ombra 

Tags: Ars



PALERMO - Roberto La Rosa ha lasciato il Movimento “Siciliani Liberi”. L’avvocato La Rosa era uno dei candidati alla presidenza della Regione, poltrona conquistata da Nello Musumeci alle scorse elezioni regionali. Il segretario del Movimento, Ciro Lo Monte, ha dichiarato di avere preso atto delle dimissioni irrevocabili di La Rosa per differenza di visioni su come difendere la Sicilia. “La politica è il campo dell’opinabile - ha detto Lo Monte - La segreteria attuale, che sta svolgendo un grande lavoro di squadra, con spirito di sacrificio, condivide una linea che ritiene darà molti frutti nel tempo: bisogna continuare a promuovere una ribellione di popolo, sulla base della riscoperta della vera bellezza della nostra terra, e coinvolgere i siciliani migliori, quelli che coltivano l’aristocrazia delle virtù, in tutti gli strati sociali".
 
Sul suo profilo Facebook La Rosa ha scritto: “Ritengo sia arrivato il momento di rassegnare le mie dimissioni irrevocabili dal Movimento politico Siciliani Liberi. Agli iscritti, ai simpatizzanti ed al Popolo Siciliano tutto, rivolgo, con grande fiducia, l’augurio in future nostre positive prospettive e conquiste. Il mio ringraziamento per la stima dimostratami ed il coraggio di condividere le idee di libertà ed indipendenza che in questi mesi di impegno e di lotta sono state la nostra bandiera”. Dal messaggio non si evince se La Rosa transiterà in altre compagini politiche, se fonderà un altro movimento o se lascerà la politica.
 
Oggi pomeriggio intanto si terrà la prima seduta d’Aula dopo le festività pasquali a Palazzo dei Normanni. Si profila però all’orizzonte un altro possibile rallentamento dei lavori causato dalle elezioni che si terranno il prossimo 10 giugno in 22 paesi della provincia di Catania. Sempre per domani ma alle 12, è prevista una audizione in commissione Ambiente e territorio all’Ars sul rinnovo della convenzione tra la Regione siciliana e il corpo dei Vigili del Fuoco. Lo rendono noto i deputati regionali del M5s all’Ars Giampiero Trizzino, Stefania Campo, Nuccio Di Paola e Valentina Palmeri che presenteranno un emendamento alla finanziaria per stanziare le somme necessarie per la stipula della convenzione. Prevista la presenza del presidente della Regione Nello Musumeci, del dirigente generale del Dipartimento regionale della Protezione civile Calogero Foti, del dirigente generale del comando Corpo Forestale Filippo Principato, del direttore regionale dei Vigili del fuoco Marco Craviani e del segretario regionale del sindacato autonomo vigili del fuoco Giuseppe Musarra.
 
“Ricorderemo il 2017 come annus horribilis con migliaia di ettari di vegetazione boschiva e macchia mediterranea andati in fumo, aziende agricole distrutte e un patrimonio ambientale devastato dai roghi – ha detto Trizzino - E non è un caso che nei giorni scorsi abbiamo chiesto di dedicare una seduta della commissione Ambiente al rinnovo della convenzione per consentire alla Regione siciliana di arrivare preparata alla stagione estiva e di poter fronteggiare al meglio con l’ausilio di uomini e mezzi, eventuali incendi che dovessero divampare nell’Isola”. “Chiediamo – ha aggiunto - all’attuale esecutivo di non ripetere gli errori del Governo Crocetta e procedere alla sigla della convenzione a stretto giro. Affrontare in commissione questo argomento, prima dell’avvio dell’iter per l’approvazione di bilancio e finanziaria- ha concluso Trizzino - ci consente di aver un quadro preciso delle risorse economiche da impegnare”.

Articolo pubblicato il 04 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐