Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Super-car, costo annuo superiore agli 11.000 euro
di Redazione

Osservatorio di SosTariffe.it: a incidere sono assicurazione auto, “superbollo” e carburante. La tassa di possesso per la Bentley di Balotelli costerebbe più di 7.000 euro 



ROMA - Sono molti gli ammiratori dei VIP del mondo dello spettacolo, cinema o sport che hanno pensato almeno una volta: “quanto vorrei avere un’auto così” e che fantasticano immaginandosi al volante di un potente bolide. Tuttavia non c’è solo il prezzo di acquisto dell’auto in sé da considerare nella spesa per ottenere e utilizzare le supercar dei VIP. Il costo per mantenere le auto di lusso, infatti, non si ferma alla sola spesa per l’acquisto, ma ogni anno, proprio come accade per le automobili più modeste, è necessario pagare l’assicurazione auto, il carburante, e il bollo (che per le auto di questo tipo diventa superbollo).
 
Quanto possono arrivare a spendere i VIP per le proprie supercar? SosTariffe.it ha cercato di scoprirlo analizzando alcune delle auto di proprietà di alcuni dei volti più noti e amati del mondo del cinema, della tv e dello sport. Alcuni di questi personaggi spendono oltre 10.000 euro l’anno per mantenere le proprie auto di lusso, come Mario Balotelli, che paga 11.488 euro per una Bentley Continental Supersport e Paris Hilton che, se vivesse in Italia, spenderebbe 10.492 euro per McLaren 650S SPIDER.
 
Il sito di confronto di polizze auto e moto ha rilevato tutti i costi fissi che ogni anno il VIP è tenuto sborsare per mantenere l’auto: superbollo, carburante e assicurazione auto. Le spese più alte, secondo SosTariffe.it, sono le prime due, mentre l’assicurazione auto sembra avere - in proporzione - un costo leggermente più basso (comunque sempre più alto rispetto alle automobili meno lussuose).
Ad esempio Mario Balotelli, che tra i VIP analizzati è quello con i costi fissi annui più alti, potrebbe spendere ogni anno circa 7.232 euro di superbollo per la sua Bentley Continental Supersports dal valore di 255.000 euro circa. In Italia, invece. Paris Hilton pagherebbe il bollo più salato di tutti i VIP analizzati: oltre 7.500 annui per la McLaren 650S SPIDER.
 
Bollo quasi irrisorio al confronto per Carlo Cracco, il quale spenderebbe appena 328 euro per l’Abarth 595 (personalizzata apposta per lo chef con il nome Abarth 500 Blue Gradient) regalatagli per il matrimonio dal testimone Lapo Elkann. Tra le molte macchine di proprietà del rampollo di casa Agnelli, infatti, c’è anche l’Alfa Romeo 4C Coupé, che sembra essere la più abbordabile tra le auto analizzate (spese fisse che ammontano a 2.842 euro l’anno), grazie anche al bollo annuo che non arriva ai 560 euro.
 
Sempre Cracco, insieme a Balotelli, è tra i VIP che potrebbe spendere più in benzina ogni anno (oltre 2.500 euro), ma se si trovasse in Italia anche Brad Pitt con la sua Audi Q7 dovrebbe spendere molto per il carburante: circa 1.969 euro. Oltre 1.900 euro spesi anche da Flavio Briatore per rifornire la sua Jaguar XJ 220, modello unico prodotto in 350 pezzi, con una velocità massima potenziale di 350 km all’ora e un prezzo che è ben sopra gli 80.000 euro.
 
Per quanto riguarda l’RC base per queste super auto, SosTariffe.it ha stimato che i costi non sono poi così alti come si potrebbe pensare. Ad esempio Michelle Hunziker per la Porsche 911 Turbo S, regalata dal marito Trussardi in versione fuxia, potrebbe dover spendere quasi 1.031 euro ogni anno.
 
Tra le donne analizzate in questo studio, tuttavia, è Belén Rodríguez che ha la spesa più alta per l’assicurazione: la show girl potrebbe spendere, infatti, 1.741 euro circa per la sua Mercedes Classe G AMG del valore di 90.000 euro.
 
L’uomo VIP con l’assicurazione auto più bassa, sembra invece essere David Beckham che per proteggere la sua Rolls Royce Phantom spenderebbe in Italia circa 1.080 euro.

Articolo pubblicato il 06 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus