Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds

Quotidiano di Sicilia

Direttore Carlo Alberto Tregua



Consorzio sviluppo e legalitÓ senza contributi regionali
di Cettina Mannino

Composto da otto comuni ad alta densità mafiosa, rischia il collasso. 4 cooperative in cui lavorano 100 giovani a rischio chiusura

Tags: Mafia, Beni Confiscati, Lucio Guarino



PALERMO – Niente contributi regionali per il Consorzio sviluppo e legalità. A far discutere sulla posizione assunta della giunta della Regione siciliana sull’argomento dei beni confiscati e sul ruolo che la Regione occupa è il direttore del Consorzio sviluppo e legalità, Lucio Guarino.

Il consorzio, ormai da 4 anni, rappresenta la prima struttura pubblica, presa come esempio da altre regioni italiane, ed è composto da otto comuni ad alta densità mafiosa della provincia di Palermo,tra il territorio di Monreale e Corleone, dove è concentrato il 25 per cento del patrimonio mafioso. Quest’anno dunque il consorzio ha visto negato il contributo che, secondo quanto riferisce Guarino, negli anni precedenti si aggirava intorno a 85 mila euro. “La cifra- spiega Guarino- è servita a finanziare le nostre iniziative di legalità tra le scuole e i cittadini ma cosa fondamentale serviva a garantire lo start up alle cooperative per lavorare, una volta che vedevano assegnato il bene”. “In pratica- sottolinea Guarino- c’è a rischio la chiusura di 4 cooperative che in termini di occupazione corrispondono a 100 giovani”. Il compito del consorzio, in pratica, è quello di  gestire ed utilizzare i beni confiscati a Cosa Nostra e assegnarli alle cooperative giovanili. “Attualmente- prosegue Guarino- il consorzio si trova con un buco di 170 mila euro e rischia il collasso”. “Assurdo se pensiamo che lo stesso consorzio non solo è stato preso come modello ma addirittura ha ottenuto pareri favorevoli dal  Governo nazionale, in particolare dal ministero dell’Interno, dalle Prefetture, dalle Province e dalle forze militari” conclude con una nota amara il direttore.

Articolo pubblicato il 15 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Beni confiscati, a rischio 100 milioni di euro -
    Beni ex mafia. Patrimonio che spesso resta inutilizzato.
    Accelerare. Con la L. 94/09 per rendere più celeri le procedure necessarie a destinare i beni confiscati, la competenza è stata affidata ai prefetti della provincia in cui si trova il bene.
    Rischi. Una norma, approvata con l’ultima finanziaria del governo, prevede la vendita all’asta degli immobili confiscati alla mafia col rischio che questi tornino in loro possesso.
    (15 gennaio 2010)
  • Consorzio sviluppo e legalitÓ senza contributi regionali -
    Composto da otto comuni ad alta densità mafiosa, rischia il collasso. 4 cooperative in cui lavorano 100 giovani a rischio chiusura
    (15 gennaio 2010)
  • La Cantina Kaggio finalmente riqualificata -
    Era stata confiscata ai boss Riina e Provenzano oltre 15 anni fa. Diventerà centro per la valorizzazione dei prodotti agricoli
    (15 gennaio 2010)


comments powered by Disqus

RSS© 2001 Ediservice S.r.l. - P.I. 01153210875 - Tutti i diritti riservati / Coordinamento e aggiornamento Blu Media / Realizzazione Francesco Grasso / Grafica Neri & Dodè / Hosting Impronte digitali