Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ars: portaborse assunti come colf. E Miccichè attacca il M5s
di Redazione

Una ventina di casi, ma potrebbero essere di più. Sono stati assunti a Palazzo dei Normanni da deputati con contratti da domestici per pagare meno contributi, come notato dalla Corte dei conti. Il presidente dell'Assemblea su Fb: grillini fanno contratti semestrali



Almeno una ventina, ma potrebbero essere di più - secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa Ansa - a Palazzo dei Normanni, sono le colf assunte dai deputati nei gruppi parlamentari dell'Assemblea regionale siciliana.
 
Ma non si tratta certo di persone prese per fare le pulizie negli uffici del Parlamento più antico d'Europa, bensì di personale inquadrato come "portaborse", ai quali gli onorevoli hanno fatto firmare contratti da collaboratore domestico.
 
Un'escamotage usato dai parlamentari per pagare meno oneri previdenziali, che non è sfuggito alla Corte dei conti che ha già ascoltato in adunanza pubblica i capigruppo dell'Ars senza però entrare nel merito della tipologia contrattuale applicata ai 162 collaboratori.
 
Tra questi c’erano i cosiddetti D6 assunti dai deputati grazie a una norma, contenuta nella legge di recepimento del decreto Monti sulla spending review approvata quattro anni fa, scattata all'inizio di questa legislatura.
 
Intanto sul proprio profilo Facebook, il presidente dell'Assemblea siciliana Gianfranco Miccichè ha attaccato i grillini proprio sui contratti per i portaborse.
 
 "Ci sono gruppi parlamentari - ha affermato - che hanno utilizzato i 58 mila euro derivanti dalla 'legge Monti' per stipulare contratti semestrali (vedi Cinquestelle). Che senso ha un contratto con scadenza così breve? Neanche il tempo di prendere confidenza con l'ambiente lavorativo e sei già fuori. Sarebbe facile, come fanno i grillini, insinuare dubbi e seminare zizzanie, ricorrendo, come fanno loro, alla demagogia. Ma non scendiamo su questo piano".
 
"In questi ultimi giorni, come è noto – è scritto nel post - , sono dovuto intervenire per cercare di ristabilire un certo equilibrio sulle assunzioni temporanee dei gruppi parlamentari Assunzioni che hanno fatto lievitare il numero dei precari. Ciò è accaduto perché fu recepita la norma che destinava 58 mila e 500 euro ad ogni deputato per consentirgli di circondarsi di persone qualificate in grado di coadiuvarlo nella sua attività parlamentare”.
 
“Non si è tenuto conto – ha concluso Miccichè - che all'Ars c'erano già gli stabilizzati, cioè precari che negli anni precedenti avevano lavorato nei gruppi parlamentari e che poi vennero 'assunti'. Gli uni dovrebbero escludere gli altri, in teoria. Un bel rompicapo".
 

Articolo pubblicato il 14 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus