Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La Cultura per promuovere la Pace, valori universali per i giovani di oggi
di Redazione in collaborazione con Istituto De Felice-Olivetti

La scuola come laboratorio per una nuova civiltà



L’associazione Bandiera della pace, in collaborazione con l’Istituto di istruzione superiore De Felice Giuffrida-Olivetti di Catania ha organizzato, nella splendida cornice di Palazzo Platamone, la III edizione del Premio Nicolaj Roerich sul tema “La mia terra, la tua terra, la nostra Terra” destinato agli alunni interessati a partecipare all’iniziativa con la produzione di elaborati grafici e fotografici. La triennale collaborazione tra l’associazione - che diffonde il pensiero e l’opera dell’artista russo Nicolaj Roerich - e l’Istituto è stata suggellata e intensificata dalla presenza di Michela Cervellati, che nel suo ruolo di presidente nazionale ha conferito il riconoscimento di “Ambasciatore di Pace e di Cultura” all’Istituto, nella persona del dirigente Francesco Ficicchia, per la dedizione e l’impegno con i quali viene promossa, sostenuta e diffusa la nuova educazione a favore della Cultura e della Pace. Un riconoscimento che vuole sottolineare l’importanza della Cultura come agente di Pace e dell’Educazione come dialogo tra le diversità.
 
Con la semplicità dei loro pensieri e delle loro parole i giovani studenti hanno espresso valori quali la Cooperazione, il Rispetto, la Fratellanza, l’Unità. Valori universali perché appartengono a tutti, al di là delle etnie, dei popoli e delle nazioni ed eterni in quanto hanno in sé il passato e contengono i germogli del futuro. Proprio l’Universalità e l’Eternità fanno sì che questi valori siano presenti anche nella Costituzione Italiana, custode dell’Identità culturale ma anche della dignità di ogni essere umano.
 
La scuola, quindi, diventa un laboratorio privilegiato in cui comprendere e sperimentare in maniera attiva il modello di una nuova civiltà. È possibile costruire un Futuro diverso dal nostro Presente muovendo dai cambiamenti interiori per poi riverberarli anche all’esterno. Sicuramente il coinvolgimento personale richiede che ogni persona collabori esprimendo e potenziando i propri talenti a favore del Bene comune.

Articolo pubblicato il 18 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐