Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Un tuffo dentro una piscina di Colonia per imparare a camminare sulla Luna
di Redazione

La Neutral buoyancy facility (Nbf) dell’Agenzia spaziale europea è stata la protagonista dello studio chiamato “Moondive” 

Tags: Moondive



COLONIA - Una delle piscine più profonde d’Europa da tre anni aiuta i preparativi per un ritorno umano sulla Luna. La Neutral buoyancy facility (Nbf) dell’Agenzia spaziale europea presso l’European astronaut centre vicino Colonia, in Germania, è stata il teatro dello studio “Moondive” in cui sono state utilizzate tute spaziali appositamente ponderate per simulare la gravità lunare, che è solo un sesto di quella della Terra.
 
“Lo studio della durata di tre anni - si legge sul sito dell’Esa - si è svolto a 10 metri di profondità, nella Neutral buoyancy facility, uno dei quattro impianti di immersione di questo tipo in tutto il mondo (gli altri sono negli Stati Uniti, in Cina e in Russia), usato per addestrare gli astronauti all’attività extra veicolare (Eva), nota anche come passeggiata nello spazio (spacewalk). Con le operazioni della Stazione spaziale internazionale che si stanno spostando verso un ritorno internazionale sulla Luna verso la fine del 2020, la Nbf dell’Esa è stata utilizzata per indagare sulle procedure di moonwalk per la superficie lunare”.
 
Hervé Stevenin, responsabile per la formazione Eva e le operazioni Nbf presso l’European astronaut centre (Eac) ha spiegato che “la bellezza dell’immersione in acqua nell’Esa-Nbf permette di simulare non soltanto l’assenza di peso di lunga durata, ma anche la gravità parziale, come sulla Luna o su Marte, mettendo a punto la galleggiabilità negativa degli astronauti e di tutte le attrezzature che usano”.
 
Moondive è stato condotto da un consorzio guidato dalla società francese Comex, specializzata nell’esplorazione umana e robotica di ambienti estremi. “Volevamo valutare – ha affermato Peter Weiss, a capo del Dipartimento Spazio di Comex - come la Nbf potesse essere adattata per consentire test di apparecchiature Eva, strumenti e concetti operativi nella gravità simulata della Luna. Ci siamo concentrati sulle tecniche e la tecnologia di cui avremo bisogno per preparare gli astronauti per le future missioni sulla Luna. L’idea era di creare un database di oggetti, strumenti e compiti che potrebbero dover gestire durante le missioni sulla Luna, non solo per allenamento, ma anche per testare e validare nuove attrezzature e modi di fare le cose”.
 
“Lo studio Moondive – ha aggiunto Weiss - ha avuto molto successo, portando alla prima simulazione spaziale dell’Esa in gravità parziale all’interno della Nbf. Abbiamo usato un esoscheletro che riproduceva la voluminosità e la limitazione del movimento di una tuta spaziale pressurizzata, e poi abbiamo eseguito test di campionamento geologico superficiale lunare sul fondo del simulatore dell’Esa”.
 
“È davvero incredibile - ha concluso Hervé Stevenin – provare qualcosa che questa generazione ha visto solo nelle immagini video, come la strategia ottimale per camminare in questo assetto negativo che si rivela essere un salto da canguro, proprio come hanno fatto gli astronauti dell’Apollo sulla Luna”.
 
Come sottolineato dall’Agenzia spaziale europea, i simulatori dell’Esa, tra cui la Nbf, a cui si aggiungerà Luna dome dell’Eac in fase di preparazione e che servirà a simulare gli effetti della polvere lunare su attrezzature e hardware, collocano l’Europa in prima linea nelle strutture di test e addestramento per l’esplorazione umana della Luna.

Articolo pubblicato il 21 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus