Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

In Sicilia. Quella latitante dell’energia ecosostenibile
di Rosario Battiato

Tags: Energia, Fotovoltaico, Scuola



PALERMO – L’esperimento della provincia regionale di Catania, che al momento resta comunque in attesa di entrare in funzione, è davvero uno dei pochi casi isolani di edilizia scolastica ecosostenibile. Secondo quanto riportato nell’ultimo rapporto di Legambiente “Ecosistema Scuola 2009” solo nel 13,17% degli edifici scolastici dell’isola si utilizzano fonti d’energia rinnovabile, mentre appena il 43% utilizza fonti d’illuminazione a basso consumo. Eppure la riconversione energetica degli edifici dovrebbe costituire un punto essenziale sia per gli introiti economici che ne deriverebbero che per la costruzione di un domani sostenibile. “Se fatta a tappeto su gran parte degli edifici scolastici – si legge nel dossier dell’associazione ambientalista - questa pratica potrebbe, attraverso il meccanismo del conto energia, rappresentare per i comuni, le province e le scuole, un introito importante da destinare alla manutenzione e miglioramento delle scuole stesse”.

Articolo pubblicato il 16 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Fotovoltaico spento nelle scuole catanesi, impianti da 1,1 mln € ancora inutilizzati -
    Energia. Le fonti alternative stentano a decollare.
    Elettricità e risparmio. L’obiettivo era quello di produrre autonomamente nelle scuole l’energia e abbattere i costi in bolletta. Tra 28 mila e 30 mila kwh la capacità prevista ogni anno.
    L’immissione in rete. Il percorso si è bloccato al momento di immettere in rete l’elettricità “pulita” attraverso il conto energia e l’adeguamento dei contatori negli istituti scolastici.
    (16 gennaio 2010)
  • In Sicilia. Quella latitante dell’energia ecosostenibile - (16 gennaio 2010)
  • La formazione interrotta, un percorso da riprendere -
    Il corso iniziato a marzo del 2009 dovrebbe riprendere a breve. “Non spezziamo l’arcobaleno”, progetto senza conclusione
    (16 gennaio 2010)
  • “Stiamo attivando tutto dopo una serie di disguidi” -
    C’è anche il sostegno dei dirigenti scolastici che caldeggiano la ripresa. Patti, esperto della Provincia: “Saremo all’avanguardia”
    (16 gennaio 2010)


comments powered by Disqus