Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ars: la Manovra è un fantasma
di Redazione

Non c'è ancora il testo, si evidenziano problemi copertura. Armao accusa il personale, Cancelleri lo difende. Tutto rimandato a oggi, con tempi risicatissimi. E intanto il M5s si scaglia contro la "maxi tabella H" che avrebbe scatenato "gli appetiti dei partiti". Probabile che l'assemblea si debba riunire sabato e domenica

Tags: Ars, Finanziaria, Gaetano Armao, Nello Musumeci



Sessantadue ore non sono state sufficienti per assemblare la manovra finanziaria e allineare le norme, lievitate sabato mattina in commissione Bilancio dell'Ars da 36 a 120 rispetto al testo originario che era stato trasmesso dal governo, alle tabelle finanziarie.
 
Gli uffici dell'Ars hanno lavorato fino a tarda sera con i tecnici del dipartimento Economia per venire a capo della matassa che si è venuta a creare. E tutto è stato rimandato a oggi. Tra le polemiche, visto che Armao se l'è presa con i funzionari e Cancelleri li ha difesi.
 
I documenti dovevano essere consegnati alle 18 di ieri pomeriggio come aveva comunicato a mezzogiorno il presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè, ad apertura di seduta, rinviando poi l'aula alle 20 proprio per la mancanza del dossier.
 
Gli uffici hanno tentato per ore di allineare la quantità di norme con le risorse disponibili, per fare quadrare i conti mancherebbero, secondo fonti dell'opposizione, circa 50 milioni di euro.
 
Miccichè quindi alle 20 di ieri sera è stato costretto a rinviare per la seconda volta la seduta.
 
I lavori riprenderanno oggi alle 16 per incardinare la manovra, sempre che i funzionari dell'Ars e quelli del dipartimento Economia riescano a consegnare il testo prima del suono della campanella di Palazzo dei Normanni.
 
Certo è che l'aula rispetterà le indicazioni della capigruppo e non si riunirà il 25 aprile, festa della Liberazione, come qualche deputato aveva sussurrato stamani.
 
Se l'aula riuscirà a incardinare la manovra oggi pomeriggio, i deputati avranno 24 ore di tempo per presentare gli emendamenti.
 
Dunque per l'esame delle norme l'appuntamento è per giovedì pomeriggio, quando mancheranno quattro giorni alla scadenza dell'esercizio provvisorio.
 
Probabile a questo punto che l'Ars si riunisca anche sabato e domenica, ma per stabilire il nuovo calendario dovrebbe riunirsi la capigruppo.
 
Per il M5s la presidenza dell'Ars dovrebbe cassare almeno una sessantina degli articoli della manovra perché li ritiene incostituzionali.
 
Se l'aula non si riunirà per la Liberazione, nei gruppi parlamentari il personale invece rimarrà incollato negli uffici il giorno di festa per predisporre gli emendamenti. E c'è chi ipotizza come data finale per l'approvazione di bilancio e legge di stabilità il primo maggio, festa dei lavoratori. E non sarebbe neppure la prima volta.
 
Intanto il M5S ha denunciato che la manovra sta per sbarcare in aula "dopo essere stata gonfiata a dismisura dai partiti che non si sono risparmiati per piazzare la propria bandierina, con una maxi tabella H per accontentare tutti: nemmeno durante l'era Crocetta, probabilmente, si era arrivato a tanto".
 
"Una manovra che doveva essere secca e lineare - hanno affermato i pentastellati - è diventata monstre a causa di una pioggia di norme ad deputatum che non sono certo pensate per il bene della Sicilia. Dentro la finanziaria c'è di tutto, dal finanziamento per le regate a quello per i borghi belli, fino al finanziamento ai comuni bandiera blu. È lecito ora pensare dove sarà trovata la copertura finanziaria, atteso che si stava per tagliare sulla cultura per mancanza di risorse".

Articolo pubblicato il 24 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus