Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

“Stiamo attivando tutto dopo una serie di disguidi”
di Rosario Battiato

C’è anche il sostegno dei dirigenti scolastici che caldeggiano la ripresa. Patti, esperto della Provincia: “Saremo all’avanguardia”

Tags: Energia, Fotovoltaico, Scuola



CATANIA – “Stiamo attivando tutto e quindi nel breve tempo ripartiranno gli impianti”. Con queste parole Giuseppe Patti, esperto tecnico-scientifico della Provincia di Catania, ha espresso la posizione dell’Ente nei confronti degli otto impianti installati nel 2008 e mai entrati in funzione. “Una serie di disguidi hanno ritardato l’inizio dei lavori – ha spiegato l’esperto della Provincia – ma contiamo di superare questa fase al più presto in quanto vogliamo essere all’avanguardia nell’utilizzo degli impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile”. Il medesimo discorso è sostenuto dai dirigenti scolastici che vorrebbero veder partire al più presto i pannelli che hanno sulle terrazze della scuola. “Difficoltà burocratiche di questo genere – ha proseguito il dipendente della Provincia – possono capitare vista la complessità della materia”. Il medesimo discorso vale per il progetto “Non spezziamo l’arcobaleno” che avrebbe dovuto costituire l’aspetto formativo per i ragazzi delle scuole dove erano stati installati gli impianti. In realtà il corso, iniziato a marzo, era stato poi sospeso prima della fine dell’anno scolastico con grande rammarico dei dirigenti scolastici. “Abbiamo pensato – ha dichiarato Patti – che far lavorare i ragazzi anche d’estate sarebbe stato difficile. Così anche per rendere fruibile il progetto in parallelo con l’attivazione degli impianti riprenderemo a breve le lezioni così come comunicheremo a breve alle scuole”. La macchina, secondo fonti della provincia, si è rimessa completamente in moto da circa un mese e adesso, dopo oltre un anno di attesa, si attendono i frutti di un investimento di oltre un milione di euro e degli incentivi del conto energie che ne frutterebbero.

Articolo pubblicato il 16 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Fotovoltaico spento nelle scuole catanesi, impianti da 1,1 mln € ancora inutilizzati -
    Energia. Le fonti alternative stentano a decollare.
    Elettricità e risparmio. L’obiettivo era quello di produrre autonomamente nelle scuole l’energia e abbattere i costi in bolletta. Tra 28 mila e 30 mila kwh la capacità prevista ogni anno.
    L’immissione in rete. Il percorso si è bloccato al momento di immettere in rete l’elettricità “pulita” attraverso il conto energia e l’adeguamento dei contatori negli istituti scolastici.
    (16 gennaio 2010)
  • In Sicilia. Quella latitante dell’energia ecosostenibile - (16 gennaio 2010)
  • La formazione interrotta, un percorso da riprendere -
    Il corso iniziato a marzo del 2009 dovrebbe riprendere a breve. “Non spezziamo l’arcobaleno”, progetto senza conclusione
    (16 gennaio 2010)
  • “Stiamo attivando tutto dopo una serie di disguidi” -
    C’è anche il sostegno dei dirigenti scolastici che caldeggiano la ripresa. Patti, esperto della Provincia: “Saremo all’avanguardia”
    (16 gennaio 2010)


comments powered by Disqus