Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bordeaux, la città del vino patrimonio Unesco capace di stupire anche i più esigenti wine lovers
di Nicoletta Fontana Conservo

Il risveglio dell’ex “bella addormentata” dopo 20 anni di restyling: da Place de la Comédie al modernissimo Hangar Darwin 

Tags: Bordeaux



Siamo nella poliedrica Bordeaux, dal 2007 riconosciuta Patrimonio dell’Unesco e, nel non troppo lontano 2016, posizionata dal New York Times al 2° posto nei “52 Place to Visit. La Lonely Planet, inoltre, l’ha inserita al primo posto nel suo Best in Travel 2017.
“Sorprendere” è il verbo che più si addice a quella che per anni è stata definita la “bella addormentata”, ma che a seguito di un profondo restyling durato circa 20 anni, oggi si presenta al visitatore come la seconda città di Francia dopo Parigi.
 
Partiamo alla sua scoperta da Place de la Comédie in cui il Palazzo dell’Opera si mostra in tutta la sua maestosità, lasciandosi leggermente oscurare dalla scultura di un viso realizzata dall’artista contemporaneo catalano Jeume Plensa, che forse, con la sua imponenza, toglie la scena anche all’adiacente “Bistrot Le Bordeaux” dello Chef Gordon Ramsey. Lo chef americano noto anche per la serie televisiva “Cucine da Incubo Usa”, ha scelto proprio qui, nel cuore pulsante di Place de la Comèdie, la sede del suo ristorante all’interno del magnifico Grand Hotel Intercontinental. Siamo pronti per incamminarci in Rue Sainte Catherine, la via dello shopping più lunga d’Europa, oltre 1 Km tutto pedonale, per scoprire oltre ai tantissimi negozi, piazzette alberate con deliziosi ristoranti aperti fino a tarda notte.
 
La foto ricordo si scatta sul lungo fiume, la Garonna, in cui Le Miroir d’Eau, l’artificiale specchio d’acqua realizzato da Jean-Max Llorca, fa si che l’iconica Place de la Bourse vi si possa specchiare in tutta la sua magnificenza. Nella stessa piazza al numero 10 non perdete l’occasione di mangiare da Le Gabriel, ristorante “gastronomique” del giovanissimo chef Romain Guyot, appena 26enne, che dopo anni di affiancamento al multi stellato Eric Frechon dell’ Hotel Bristol di Parigi, ha scelto Bordeaux insieme alla sua a brigata, per sperimentare una cucina innovativa alla ricerca della sua personale “étoile”. Dal raffinato menù, ordinate le Saint Jacques al tartufo nero e il Piccione affumicato, accompagnandoli con un ottimo Julienas 2016 del Domaine David-Beaupere Louis-Clement, per terminare il vostro pranzo con un dessert al cioccolato e frutti della passione, innaffiato con il raro champagne Cep delle cantine ean Michel. Eccellente!
 
Bordeaux, capitale del vino con i suoi centomila ettari che la circondano è il più grande vignoble del mondo in cui si producono gli eccellenti vini Saint-Emilion, Margaux, Blaye, Pauillac, Pessac-Léognan, Saint-Estèphe, Saint-Julien, e non ultimo, il prestigioso Sauternes. All’insegna del nettare déi andiamo a visitare quello che è stato definito il “Guggenheim del vino”: La Citè du Vin. L’avveniristico edificio adagiato sulla Garonna realizzato dagli architetti parigini Anoux Legendre e Nicolas Desmazières, permette un viaggio sensoriale attraverso la storia del vino, partendo dall’epoca preromana, attraversando le religioni e le più antiche civiltà che hanno apprezzato il dio Bacco nella storia, per arrivare fino ai giorni nostri attraverso le proiezioni di video e ologrammi realizzati tra le vigne di tutto il pianeta. Alla fine di questo percorso didattico e fortemente emozionale, salite all’ottavo piano per godere di una vista sulla città a 360°; da qui potrete degustare un calice di vino (già incluso nel prezzo del biglietto d’ingresso), tra le migliaia di etichette provenienti da tutto il mondo. Da questa altezza potrete anche ammirare, in tutta la sua maestosità, anche l’avveniristico ponte Jacques Chaban-Delmas che si solleva al passaggio delle navi da crociera che entrano in città. L’architour non finisce qui, perché con poche fermate di tram si arriva a Pessac, un piccolo villaggio appena fuori porta per raggiungere le Château Les Carmes Haut-Brion. In questa proprietà l’arte del vino e l’arte del design si fondono in un unico linguaggio che possiamo definire “Cultura”.
 
Philippe Strack ha infatti firmato la nuova cantina che si staglia come una nave all’interno di una vasca d’acqua tra le vigne. Una metafora dedicata a Bordeaux, città di porto e di vino. Alta tecnologia per questa nuova cantina di 2400 metri quadrati, in cui l’immaterialità della struttura sisposa con la magia e l’ebrezza del vino. “Un progetto forte e ambizioso” così lo definisce Patrice Pichet, proprietario del castello. Se siete dei wine lovers, prenotate una degustazione nella sala al primo piano, per vivere un’esperienza unica.
 
 
La nuova Bordeaux si affaccia sulla rive droit della Garonna, regno dei “Bobo” (Bourgeois-Bohème), lontani dal “Triangle d’or” dell’elegante quartiere di lusso nel cuore della rive gauche, preferiscono vivere o per lo meno frequentare questo lato del fiume in cui Le Jardine Botanique disegnato da Catherine Mosbach, mette in rassegna ogni declinazione del mondo vegetale. Poco distante non mancate di visitare l’Hangar Darwin, esempio di riconversione responsabile e sostenibile. Centro degli streetartist, skaters e luogo ideale per concerti dal vivo, ottimo anche per un brunch domenicale in famiglia a tutto bio. Prima di partire pit stop da Canelés Bailladardran, per acquistare il più delizioso souvenir bordelese, un dolcetto che raccoglie in sé tutta la storia questa straordinaria città francese.
 

 
 
HOTEL
- Le Grand Hotel Intercontinental
www.bordeaux.intercontinental.com
- LeBoutique Hotel
www.hotelbordeauxcentre.com
(Ottimo per degustazioni di vini, un sommelier vi accompagnerà alla scoperta dei più pregiati vini bordolesi - www.bit.ly/degustationwinebar)
- Hotel de Normandie
www.hotel-de-normandie-bordeaux.com
 
CANTINE
- Les Carmes Haut-Brion
www.les-carmes-haut-brion.com
 
RISTORANTI
- Le Gabriel
www.bordeaux-gabriel.fr
- La Brasserie Le Bordeaux Gordon Ramsay
www.bordeaux.intercontinental.com/le-bordeaux-gordon-ramsay
- L’Orleans
www.brasserie-loreans.fr
 
INFO UTILI
- Atout France: www.france.fr
- Office de tourisme de Bordeaux: www.bordeaux-tourisme.com
- Air France: www.airfrance.it
 

Articolo pubblicato il 27 aprile 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus