Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La ricetta dell’assessore per un risparmio possibile
di Liliana Rosano

Il decreto del 4/08/2008 pubblicato il 22 agosto sulla Gurs. Russo: “La farmaceutica una delle voci più onerose”

Tags: Massimo Russo, Sanità, Farmaci



Palermo - Da parte dell’assessore regionale per la Sanità, Massimo Russo, ci sono tutte le intenzioni, almeno sulla carta, di diffondere l’utilizzo del farmaco generico in Sicilia. Le intenzioni sono espresse nel decreto 4 agosto 2008 pubblicato lo scorso 22 agosto sulla Gurs.
In particolare, all’articolo 3 si legge: “è fatto altresì obbligo alle aziende sanitarie della Regione siciliana, nell’ambito di una categoria omogenea identificata nel Ptors (prontuario terapeutico ospedaliero-territoriale), ove è presente un farmaco equivalente, è preferibile l’impiego di quest’ultimo nel rispetto delle indicazioni autorizzate”.

L’impegno dell’assessore Russo a diffondere la cultura e l’utilizzo dei farmaci equivalenti si coniuga con quello di ridurre la spesa farmaceutica e la spesa sanitaria nel suo complesso.
Sempre nel decreto in questione, si fa riferimento al contenimento della spesa farmaceutica attraverso alcune misure specifiche, come quella di assumere, per i farmaci omogenei, coperti ancora da brevetto, quelli con il prezzo minore al pubblico.

“È verosimile, afferma l’assessore Russo, che nel 2009 potremmo risparmiare alcune decine di milioni di euro, la spesa farmaceutica è una delle voci più onerose del bilancio della sanità regionale ed è nostro dovere utilizzare tutte le possibilità per realizzare le economie che permetteranno poi cospicui investimenti. L’azione di governo, continua Russo, continuerà a essere intensificata. Si punterà ad un’attenta analisi qualitativa e quantitativa delle prescrizioni farmaceutiche, evitando come è avvenuto in passato che i consumi di alcune tipologie di medicinali si discostino nettamente e senza giustificazioni dai parametri nazionali”.

Articolo pubblicato il 30 aprile 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Farmaci: uno spreco di 300 mln di euro - Sanità. Con il passare degli anni la spesa aumenta.
    Farmaci equivalenti. Se la Sicilia spendesse 16 mila euro per mille abitanti anziché gli attuali 5.554 € in equivalenti, potrebbe risparmiare 60 milioni di euro.
    Assogenerici: nel 2007 in Italia si consumava il 7,1 per cento di equivalenti, nel 2008 la media è scesa al 6,1 per cento, allontanandosi dalla media europea del 47 per cento (30 aprile 2009)
  • La nuova banca dati. Nessuna informazione sui generici - (30 aprile 2009)
  • Ansiosi e malati di ulcera soprattutto in Sicilia - Lansoprazolo in testa alla classifica italiana dei farmaci più venduti. Nel 2007 spesi 34 mln € dai siciliani per il suo acquisto (30 aprile 2009)
  • La ricetta dell’assessore per un risparmio possibile - Il decreto del 4/08/2008 pubblicato il 22 agosto sulla Gurs. Russo: “La farmaceutica una delle voci più onerose” (30 aprile 2009)


comments powered by Disqus
Massimo Russo, assessore regionale per la Sanit
Massimo Russo, assessore regionale per la Sanit