Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Vittoria: altre serre "drogate", cannabis tra i peperoni
di Redazione

Seconda scoperta in pochi giorni di piantagioni di marijuana all'interno di coltivazioni serricole nella cittadina del Ragusano. La Polizia di Stato ha sequestrato seimila piante per un totale di novecento chili di droga. Tre persone arrestate
IN AGGIORNAMENTO

Tags: Marijuana, Cannabis, Vittoria, Ragusa, Droga, Polizia



Seimila piante di cannabis sativa, per un totale di 900 chilogrammi di droga, piantate su un'area di 30 mila metri quadrati coltivati ufficialmente a peperoni, sono state scoperta dalla polizia durante controlli in una serra di Vittoria, nel Ragusano.
 
Agenti della squadra mobile di Ragusa e del locale commissariato hanno arrestato il titolare dell'azienda agricola, Roberto Rinaudo, di 55 anni, e due suoi braccianti 31enni originari del Bangladesh, Houssan Moubarak e Hossain Billal.
 
Durante l'operazione sono stati trovati, in una vecchia cisterna per l'acqua in disuso, oltre 30 kg di marijuana e un meccanismo per la produzione di olio di marijuana.
 
Sequestrati anche 3 kg circa di hashish pronti per la commercializzazione.
 
Il valore complessivo della droga sequestrata è compreso tra 500 mila e un milione di euro a secondo del principio attivo della sostanza stupefacente.
 
Due giorni fa, sempre a Vittoria, la Polizia, con l'ausilio di un drone, aveva scoperto un'altra serra con quindicimila piante di cannabis, nascoste stavolta tra le coltivazioni di pomodorino .
 
Durante l'operazione era stato arrestato Carmelo Gurrieri, di 53 anni, che aveva coltivato, lungo tutto il perimetro, pomodorini doc ragusani e fave, piante che raggiungo diversi metri d'altezza per "nascondere" quello che c'era all'interno.
 
L'uomo ha ammesso le proprie responsabilità, ma senza fornire alcun dettaglio sui probabili complici.
 
In un caseggiato presente nell'area veniva effettuata l'essiccazione e al suo interno erano custoditi i fertilizzanti utilizzati per favorire la crescita delle piante.

Articolo pubblicato il 04 maggio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus