Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Pedonalizzazione mercati storici: stop alle auto in sessanta strade
di Redazione

Delibera della Giunta municipale per favorire la vivibilità e l’attrattività del cuore del capoluogo. Sinergia con il Suap per la concessione del suolo pubblico nelle aree interessate 

Tags: Palermo



PALERMO – Migliorare la vivibilità urbana, rilanciare il comparto commerciale e artigianale e favorire la fruizione turistica. Sono questi i principali obiettivi della delibera approvata dalla Giunta municipale - su proposta del sindaco Leoluca Orlando e con l’elaborazione tecnica congiunta dell'Area della Riqualificazione urbana e del Servizio del Trasporto pubblico e della mobilità – per la pedonalizzazione di sessanta tra vie, piazze e vicoli nelle zone dei mercati storici cittadini. Una limitazione della circolazione veicolare finalizzata a ridurre la presenza delle auto nelle aree dei mercati di Ballarò, Capo e Vucciria, oltre alla zona di via Calderai e quella di via Cantavespri.
 
“Il provvedimento – si legge in una nota diffusa dal Comune - mira a rivalutare le realtà commerciali e sociali dei mercati storici, nonché a favorire lo sviluppo di attività consone con il territorio, quale volano fondamentale per la vitalità, la vivibilità e l’attrattività di questa zona della città e per lo sviluppo dell'economia ad essa collegata”.
 
In particolare, la Giunta ha incaricato il Servizio Trasporto pubblico di massa e Piano urbano del traffico, entro 90 giorni a partire da ieri, di regolamentare con successivi provvedimenti la circolazione stradale nelle zone dei mercati storici; allo stesso tempo, la Giunta ha dato mandato al Servizio Suap di predisporre una proposta di disciplina della concessione del suolo pubblico per l’esercizio delle attività esistenti o di nuovo insediamento all’interno di tali aree. Anche in questo caso, il provvedimento dovrà essere redatto entro 90 giorni.
 
Le aree oggetto della nuova regolamentazione sono quelle che sono indicate come Ztl o come pedonali nel Piano particolareggiato esecutivo per il centro storico e nel Piano generale del traffico urbano (Pgtu) oltre ad alcune a esse limitrofe che nelle quali la limitazione del traffico è funzionale alla migliore fruibilità e funzionalità delle prime.
 
“Abbiamo compiuto un ulteriore passo – ha commentato il sindaco Leoluca Orlando - per la vivibilità e per il rilancio economico di Palermo attraverso il rilancio del Centro storico. Un passo ancora più importante perché compiuto grazie a una grande collaborazione e sinergia fra le istituzioni centrali e decentrate e con il coinvolgimento diretto di abitanti, commercianti e comitati che operano in queste aree”.
 
“Grazie a questo provvedimento – ha aggiunto - che parte da quella rivoluzione urbanistica e culturale che fu il Piano particolareggiato esecutivo del 1990, tantissime aree dei nostri mercati e limitrofe a essi avranno la possibilità di essere sempre più accoglienti, fruibili e vivibili sia per i residenti che per le attività imprenditoriali e per i turiti. Non a caso, proprio l’intervento del Suap è programmato parallelamente a quello degli uffici che si occupano di viabilità”.
 
“Ancora un importante segno – ha concluso il primo cittadino - del cambiamento culturale raggiunto e del cambiamento ancora possibile a Palermo”.
 
Per il presidente della I Circoscrizione Massimo Castiglia, “l'approvazione della delibera che propone la pedonalizzazione all’interno delle aree dove insistono i mercati storici e le botteghe storiche è un passo avanti molto importante nel processo di rilancio delle stesse, fortemente voluto e condiviso non solo dalla I Circoscrizione ma soprattutto dai comitati e dalle associazioni che in questi anni si sono fortemente battuti per il salvataggio dei mercati e per un piano concreto di rilancio”.
 
“Adesso – ha concluso - attenderemo che il Consiglio comunale approvi il prima possibile il Regolamento unico dei Mercati storici per avere uno strumento concreto di rilancio”.

Articolo pubblicato il 04 maggio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus