Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Nei nostri Comuni. Un terzo delle risorse per pagare debiti
di Francesco Torre

Tags: Enti Locali, Benchmarking



Palermo - Un’ulteriore prova di quanto può essere utile il benchmarking e di quanto può pesare l’indebitamento pregresso e quello attuale sulla gestione dei comuni siciliani?
Se andiamo a sommare i totali delle spese correnti e delle spese per investimenti nelle nove città siciliane, arriviamo a una somma di quasi 2 miliardi di euro.
Il resto delle spese rendicontate, ovvero per la precisione 1 miliardo e 60 milioni, è destinato alla copertura di prestiti e mutui. Cioè i debiti assorbono 1/3 (quasi il 35%) delle risorse annuali dei comuni nostrani.
Al Nord? Prestiti e mutui pesano per il 10% in meno, che in moneta si traduce in 200 milioni di euro in più da riversare sul territorio. Ogni anno. E non sono pochi. Soprattutto per chi non è capace, in house, di trovare le risorse per le opere necessarie, gli investimenti, i servizi.

Articolo pubblicato il 19 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Comunali, uno spreco da 87 milioni di euro -
    Enti locali. Riducendo le uscite maggiori investimenti.
    Benchmarking. È un processo di misurazione di prodotti, servizi e prassi aziendali, applicabile anche alla pubblica amministrazione, mediante il confronto con i concorrenti più forti.
    Palermo-Genova. Il paragone che evidenzia maggiormente la differenza tra Nord e Sicilia. Simile il numero dei dipendenti, abissale la distanza nei costi sostenuti per mantenerli: 66 milioni di euro.
    (19 gennaio 2010)
  • Nei nostri Comuni. Un terzo delle risorse per pagare debiti - (19 gennaio 2010)
  • I trasferimenti insufficienti? È soltanto un mito da sfatare -
    Comuni avvantaggiati in termini economici ma affossati da debiti e incompetenza. La Regione siciliana garantisce cospicue risorse agli enti spreconi
    (19 gennaio 2010)


comments powered by Disqus