Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Corruzione: arresto Montante, "Rete tentacolare per ostacolare l'inchiesta"
di Redazione

Il Gip parla di un "sistema di protezione da parte di soggetti inseriti ai più alti livelli della Polizia, dei Servizi di informazione e sicurezza e dell'ambiente politico italiano". Indagati e funzionari "legati da scambio favori funzionali"

Tags: Gip, Maria Carmela Giannazzo, Montante, Polizia, Servizi Informazione



Una "tentacolare rete di rapporti", un contesto di soggetti "legati a doppio filo dallo scambio di favori funzionali", di cui fanno parte sia gli indagati sia "apicali esponenti delle istituzioni", che ha agito "al fine di ostacolare le indagini" della procura.
 
E' quanto scrive il Gip Maria Carmela Giannazzo nella parte dell'ordinanza dedicata alla fuga di notizie volta a agevolare l'ex presidente di Sicindustria Montante.
 
Sono le intercettazioni a rivelare "importanti elementi" su questo fronte, dove Montante e il colonnello D'Agata sono gli "ultimi destinatari e beneficiari" delle notizie riservate acquisite da esponenti delle istituzioni, in particolare da appartenenti all'Aisi.
 
"Può senz'altro dirsi - scrive il Gip - come ci si sia trovati innanzi ad una tentacolare rete di rapporti che dimostra la pervasività del contesto investigativo e sta a testimoniare il sistema di protezione che si è alzato attorno agli odierni indagati da parte di soggetti inseriti ai più alti livelli della Polizia, dei Servizi di informazione e sicurezza e dell'ambiente politico italiano".
 
In sostanza, prosegue il Gip, è "emerso un contesto di soggetti legati a doppio filo dallo scambio di favori funzionali a tutelare le reciproche posizioni acquisite nei rispettivi contesti di operatività e che sembra avere, come finalità ultima, quella di proteggere coloro che ne fanno parte ed evitare possibili negative conseguenze derivanti da attività d'indagine nel timore, evidentemente, che il coinvolgimento dell'uno potesse riverberarsi negativamente sugli altri e così creare un pericoloso effetto domino che, appare facile concludere, occorreva necessariamente evitare".
 
Dalle intercettazioni sarebbe dunque emersa una rete in cui vi era uno "stabile canale di comunicazione" tra un appartenente alla Polizia e uno 007 "al fine di travasare notizie riservate sull'indagine in corso presso questa procura". Informazioni che "su input del generale Esposito "dovevano essere "veicolate al Montante e, successivamente, anche a Giuseppe D'Agata al fine di consentire loro di prendere le dovute contromisure".
 
A tal fine, si legge ancora nell'ordinanza, "si accertava che il D'Agata fosse in contatto con un professionista palermitano cui è legato da saldi rapporti d'amicizia, Angelo Cuva, e che quest'ultimo rappresentasse il trait d'union tra lo stesso D'Agata e il senatore Schifani, il quale, a sua volta, si relazionava ai fini descritti con il generale Esposito".
 
Nel 2015 l'Ordine dei giornalisti di Sicilia, presieduto da Riccardo Arena, aprì un'indagine conoscitiva per i finanziamenti di alcune migliaia di euro a iniziative editoriali o di singoli giornalisti erogati da Montante come presidente della Camera di Commercio.
 
L'Odg si occupò anche del quotidiano online "Il Fatto nisseno" che rimosse dal proprio sito un'intervista all'avvocato Michele Costa, figlio del procuratore della Repubblica di Palermo Gaetano, ucciso dalla mafia il 6 agosto '80, in cui diceva, dopo le notizie di un'inchiesta per mafia su Montante che "ove la vicenda non venga immediatamente chiarita, quella stessa legalità di cui è paladino gli dovrebbe imporre di farsi da canto".
 
Il giornale online sarebbe stato uno dei beneficiari di un finanziamento dalla Camera di Commercio presieduta da Montante.

Articolo pubblicato il 14 maggio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Antimafia: iniziata indagine su Sistema Montante -
    A fianco alla Commissione regionale, come consulente, anche l'ex magistrato Natoli. Il presidente Fava "Pensiamo che questa sorta di governo parallelo abbia ancora i suoi addentellati all'interno dell'amministrazione regionale". Audizioni anche per una dozzina di giornalisti. Chiesta diretta a circuito chiuso per sedute
    (30 maggio 2018)
  • Montante: Antimafia Sicilia apre istruttoria -
    La Commissione regionale guidata da Fava analizzerà i rapporti con i politici e saranno sentiti anche Crocetta e Venturi. Da martedì le audizioni. Oltre che per indagati e accusatori audizioni anche per Ivan Lo Bello e Armao. Fava: Regione revochi incarichi
    (25 maggio 2018)
  • Montante: dai domiciliari al carcere -
    L'ex presidente di Sicindustria accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione avrebbe cercato di inquinare le prove. Sarebbe una bufala la vicenda dell'azienda creata dal nonno Calogero a Serradifalco: in paese non la ricordano. Il no comment del suo avvocato
     
    (24 maggio 2018)
  • Montante: "Sono innocente, contro di me lobby mafiose e massoniche" -
    Lo ha detto al Gip nisseno spiegando di non avere stanze segrete e affermando che "Venturi e Cicero mi accusano per vendetta". Poi parla dei politici: il sindaco Orlando e il leader siciliano dei grillini, Cancelleri, che annuncia querele. Intanto si autosospende il presidente di Sicindustria, Catanzaro, indagato nell'inchiesta
    (22 maggio 2018)
  • Montante: Marino, istituzioni coinvolte ma lo Stato tace -
    Il magistrato, che fu assessore regionale all'Energia in una delle prime giunte Crocetta, è parte lesa nell'inchiesta della Procura di Caltanissetta e parla di responsabilità politiche, aggiungendo, "Quelle penali le accerterà la Giustizia"
    (21 maggio 2018)
  • Montante: Venturi, l'ex assessore contro il "Sistema" -
    In Commissione antimafia nel 2016 dichiarò che l'ex presidente di Confindustria Sicilia era "pericoloso" invitando "la politica ad allontanarlo" e se la prese con Squinzi e Boccia. E rivelò che l'elezione di Crocetta era "frutto di un accordo con Raffaele Lombardo". L'ex Governatore, "Deliri". E lui annuncia querela
    (18 maggio 2018)
  • Arresto Montante: indagato Crocetta, la notifica "In diretta" -
    Al cronista dell'Ansa che gli telefonava, "Non ho ricevuto alcun avviso di garanzia... aspetti... me lo stanno notificando adesso". Con l'ex governatore indagati gli ex assessori Linda Vancheri e Mariella Lo Bello e l'ex presidente dell'Irsap Mariagrazia Brandara. Fava, neopresidente dell'Antimafia regionale, "riflessione politica"
    (16 maggio 2018)
  • Arresto Montante: la caduta dei "Professionisti dell'antimafia" -
    A trent'anni dalla profezia di Sciascia le inchieste giudiziarie hanno travolto alcune icone antimafiose, da Silvana Saguto a Maniaci, da Ingroia a Helg. Nella nuova inchiesta le intercettazioni su Lumia e Crocetta e le richieste di raccomandazione di prefetti, politici, imprenditori, poliziotti e giornalisti
    (15 maggio 2018)
  • Arresto Montante: una talpa nella Commissione Antimafia? -
    L'imprenditore, intercettato, disse di conoscere il contenuto, secretato, di un'audizione di Marco Venturi. Per il Gip la frase dell'imprenditore "lascia esterrefatti". La Vancheri e la raccomandazione per Confindustria
    (15 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, ex presidente Sicindustria -
    Con altre cinque persone, tra cui tre poliziotti, accusati di far parte di una rete illegale per spiare l'inchiesta che era scattata nei suoi confronti tre anni fa dopo le dichiarazioni di pentiti di mafia. Arrestati anche il colonnello dei carabinieri D'Agata e Romano, re dei supermarket
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, indagato anche Schifani -
    Tra i ventidue indagati nomi grossissimi, tra cui l'ex presidente del Senato, accusati di aver fatto parte della catena delle fughe di notizie.  Tra questi l'ex generale Arturo Esposito, ex direttore del servizio segreto civile. LEGGI TUTTI I NOMI
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, parla il procuratore Bertone -
    Il magistrato ha rivelato che l'ex presidente di Sicindustria aveva un archivio informativo che gli serviva per acquisire elementi per paralizzare azioni di contrasto nei suoi confronti. L'uomo chiave era l'ex poliziotto Di Simone. Non formalizzata accusa concorso esterno in associazione mafiosa
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, "Rete tentacolare per ostacolare l'inchiesta" -
    Il Gip parla di un "sistema di protezione da parte di soggetti inseriti ai più alti livelli della Polizia, dei Servizi di informazione e sicurezza e dell'ambiente politico italiano". Indagati e funzionari "legati da scambio favori funzionali"
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, Venturi e Cicero grandi accusatori -
    I testimone chiave dell'inchiesta sono due ex amici di Montante - uno ex assessore regionale e l'altro un tempo al vertice dell'Irsap -, che con Ivan Lo Bello gestirono la "svolta legalitaria" di Confindustria
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, da paladino antimafia ai domiciliari -
    La parabola del cavaliere del lavoro che aveva ereditato una fabbrica di biciclette di lusso. L'ascesa e la notorietà nazionale, la rete di relazioni, i favori e la scalata a Confindustria
    (14 maggio 2018)
  • Antonello Montante: "Mi autosospendo da Agenzia nazionale beni confiscati" -
    Il presidente di Confindustria Sicilia coinvolto in inchiesta per mafia
    (14 febbraio 2015)
  • Curriculum Marco Venturi - (29 marzo 2014)


comments powered by Disqus