Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Arresto Montante: la caduta dei "Professionisti dell'antimafia"
di Redazione

A trent'anni dalla profezia di Sciascia le inchieste giudiziarie hanno travolto alcune icone antimafiose, da Silvana Saguto a Maniaci, da Ingroia a Helg. Nella nuova inchiesta le intercettazioni su Lumia e Crocetta e le richieste di raccomandazione di prefetti, politici, imprenditori, poliziotti e giornalisti

Tags: Professionisti Antimafia, Sciascia, Corriere Della Sera, Montante, Saguto, Maniaci, Ingroia, Helg, Lumia, Crocetta



Leonardo Sciascia aveva coniato l'espressione "professionisti dell'Antimafia" con un articolo uscito sul Corriere della sera il 10 gennaio del 1987.
 
I duri e puri della lotta antimafiosa gli rivoltarono contro l'appellativo di "quacquaraquà" citando "Il giorno della civetta", ma lo scrittore di Racalmuto aveva davvero colto nel segno puntando l'indice, più di trent'anni fa, su un'antimafia da vetrina che, come ha dimostrato ieri l'arresto di Antonello Montante, poteva diventare sistema di potere.
 
Un sistema come quello che, secondo la ricostruzione della polizia tributaria era stato messo su dall'ormai ex giudice Silvana Saguto: un modello di consulenze, incarichi e favori che rispondeva, dice l'accusa, più a logiche di arricchimento che a esigenze di giustizia.
 
Per quanto riguarda Montante, la sua ascesa - antimafiosa -  era stata rapidissima: grazie all'immagine di imprenditore pronto a rilanciare l'eredità di Libero Grassi - che aveva pagato con la vita il rifiuto del pizzo ed era stato isolato dagli industriali - era diventato capo di Confindustria siciliana e poi responsabile della legalità degli industriali a livello nazionale. E proprio mentre si pensava a lui per nominare il capo dell'agenzia nazionale dei beni confiscati, la tegola dell'inchiesta con l'ipotesi di concorso esterno del 2015, scaturita dalle dichiarazioni di alcuni pentiti.
 
Poi le indagini che hanno portato alla scoperta della rete di "intelligence" parallela per proteggersi proprio da queste inchieste, che funzionava proprio perché funzionava l'antimafia professionale, quella dell'immagine.
 
Un "movimento" accreditato, tanto che, come emerge dall'inchiesta su Montante, tutti si mettevano in fila per raccomandarsi con il paladino dell'antimafia: vertici delle forze di polizia e prefetti, politici e imprenditori, giornalisti.
 
Gli investigatori ne hanno trovate un centinaio, di richieste di raccomandazione, nei computer di Montante,che, si legge nell'ordinanza, avrebbe fatto sistematicamente ricorso alla raccomandazione come sistema per "fidelizzare" i suoi interlocutori e creare una vasta rete di rapporti "improntanti a logiche clientelari".
 
Ma altre icone dell'Antimafia, quella con la A maiuscola, erano state travolte di recente da inchieste giudiziarie, in particolare in quella Palermo che dell'Antimafia ha saputo fare un'industria.
 
Il primo a essere stato bruciato fu Pino Maniaci, per decenni osannato dai giornali e soprattutto dal web, bandiera dell'informazione "coraggiosa e minacciata", che, dopo l'accusa di chiedere denaro per ammorbidire le sue inchieste, è finito subito nel dimenticatoio come caso di cattiva coscienza.
 
Seguì Antonio Ingroia, ex pm del processo sulla "trattativa", indagato dalla magistratura che gli contesta spese ingiustificate come amministratore di "Sicilia e servizi", una partecipata regionale, al tempo in cui la guidava.
 
Poi fu la volta di Roberto Helg, presidente della Camera di commercio di Palermo che, mentre tuonava contro la mafia del pizzo pare chiedesse tangenti per fare aprire un punto vendita all'aeroporto di Punta Raisi.
 
Adesso nell'inchiesta Montante emergono altre accuse nei confronti di icone dell'Antimafia: nelle intercettazioni vi è un dialogo tra l'ex capo dell'Irsap Alfonso Cicero e l'ex assessore regionale alle Attività Produttive Marco Venturi, negli uffici della Sidercem, in cui si parla di un finanziamento per la campagna elettorale dell'ex Governatore Rosario Crocetta, a fine 2012, di 20 mila euro in nero, che sarebbe stato richiesto dall'ex senatore Pd Beppe Lumia proprio a Venturi.
 
Di Lumia si parla in un'altra intercettazione tra Venturi e l'imprenditore Massimo Romano, re dei supermercati in Sicilia, arrestato ieri, che sarebbe stato invitato dall'esponente politico a denunciare un'estorsione in realtà mai avvenuta.
 
"Nonostante io sia estraneo all'indagine giudiziaria non mancano gli schizzi di fango! Succede spesso, ma per quanto mi riguarda reagirò con tutta la fermezza possibile" ha dichiarato l'ex senatore del Pd e componente della Commissione parlamentare antimafia.
 
Lumia ha aggiunto che anche  "sul finanziamento a Crocetta si sono dette frasi gravemente diffamatorie nei miei confronti per le quali in sede legale chiederò conto e ragione".
 
 
 
Insomma, riprendendo il j'accuse di Sciascia, bene ha fatto il fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, ad affermare che "L'antimafia è ormai una carta d'identità, non un fatto di coscienza. Se la eliminassimo, forse sbugiarderemmo quelli che ci hanno costruito sopra una falsa reputazione. L'etichetta di antimafia oggi non aggiunge niente. Anzi".
 

Articolo pubblicato il 15 maggio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Antimafia: iniziata indagine su Sistema Montante -
    A fianco alla Commissione regionale, come consulente, anche l'ex magistrato Natoli. Il presidente Fava "Pensiamo che questa sorta di governo parallelo abbia ancora i suoi addentellati all'interno dell'amministrazione regionale". Audizioni anche per una dozzina di giornalisti. Chiesta diretta a circuito chiuso per sedute
    (30 maggio 2018)
  • Montante: Antimafia Sicilia apre istruttoria -
    La Commissione regionale guidata da Fava analizzerà i rapporti con i politici e saranno sentiti anche Crocetta e Venturi. Da martedì le audizioni. Oltre che per indagati e accusatori audizioni anche per Ivan Lo Bello e Armao. Fava: Regione revochi incarichi
    (25 maggio 2018)
  • Montante: dai domiciliari al carcere -
    L'ex presidente di Sicindustria accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione avrebbe cercato di inquinare le prove. Sarebbe una bufala la vicenda dell'azienda creata dal nonno Calogero a Serradifalco: in paese non la ricordano. Il no comment del suo avvocato
     
    (24 maggio 2018)
  • Montante: "Sono innocente, contro di me lobby mafiose e massoniche" -
    Lo ha detto al Gip nisseno spiegando di non avere stanze segrete e affermando che "Venturi e Cicero mi accusano per vendetta". Poi parla dei politici: il sindaco Orlando e il leader siciliano dei grillini, Cancelleri, che annuncia querele. Intanto si autosospende il presidente di Sicindustria, Catanzaro, indagato nell'inchiesta
    (22 maggio 2018)
  • Montante: Marino, istituzioni coinvolte ma lo Stato tace -
    Il magistrato, che fu assessore regionale all'Energia in una delle prime giunte Crocetta, è parte lesa nell'inchiesta della Procura di Caltanissetta e parla di responsabilità politiche, aggiungendo, "Quelle penali le accerterà la Giustizia"
    (21 maggio 2018)
  • Montante: Venturi, l'ex assessore contro il "Sistema" -
    In Commissione antimafia nel 2016 dichiarò che l'ex presidente di Confindustria Sicilia era "pericoloso" invitando "la politica ad allontanarlo" e se la prese con Squinzi e Boccia. E rivelò che l'elezione di Crocetta era "frutto di un accordo con Raffaele Lombardo". L'ex Governatore, "Deliri". E lui annuncia querela
    (18 maggio 2018)
  • Arresto Montante: indagato Crocetta, la notifica "In diretta" -
    Al cronista dell'Ansa che gli telefonava, "Non ho ricevuto alcun avviso di garanzia... aspetti... me lo stanno notificando adesso". Con l'ex governatore indagati gli ex assessori Linda Vancheri e Mariella Lo Bello e l'ex presidente dell'Irsap Mariagrazia Brandara. Fava, neopresidente dell'Antimafia regionale, "riflessione politica"
    (16 maggio 2018)
  • Arresto Montante: la caduta dei "Professionisti dell'antimafia" -
    A trent'anni dalla profezia di Sciascia le inchieste giudiziarie hanno travolto alcune icone antimafiose, da Silvana Saguto a Maniaci, da Ingroia a Helg. Nella nuova inchiesta le intercettazioni su Lumia e Crocetta e le richieste di raccomandazione di prefetti, politici, imprenditori, poliziotti e giornalisti
    (15 maggio 2018)
  • Arresto Montante: una talpa nella Commissione Antimafia? -
    L'imprenditore, intercettato, disse di conoscere il contenuto, secretato, di un'audizione di Marco Venturi. Per il Gip la frase dell'imprenditore "lascia esterrefatti". La Vancheri e la raccomandazione per Confindustria
    (15 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, ex presidente Sicindustria -
    Con altre cinque persone, tra cui tre poliziotti, accusati di far parte di una rete illegale per spiare l'inchiesta che era scattata nei suoi confronti tre anni fa dopo le dichiarazioni di pentiti di mafia. Arrestati anche il colonnello dei carabinieri D'Agata e Romano, re dei supermarket
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, indagato anche Schifani -
    Tra i ventidue indagati nomi grossissimi, tra cui l'ex presidente del Senato, accusati di aver fatto parte della catena delle fughe di notizie.  Tra questi l'ex generale Arturo Esposito, ex direttore del servizio segreto civile. LEGGI TUTTI I NOMI
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, parla il procuratore Bertone -
    Il magistrato ha rivelato che l'ex presidente di Sicindustria aveva un archivio informativo che gli serviva per acquisire elementi per paralizzare azioni di contrasto nei suoi confronti. L'uomo chiave era l'ex poliziotto Di Simone. Non formalizzata accusa concorso esterno in associazione mafiosa
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, "Rete tentacolare per ostacolare l'inchiesta" -
    Il Gip parla di un "sistema di protezione da parte di soggetti inseriti ai più alti livelli della Polizia, dei Servizi di informazione e sicurezza e dell'ambiente politico italiano". Indagati e funzionari "legati da scambio favori funzionali"
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, Venturi e Cicero grandi accusatori -
    I testimone chiave dell'inchiesta sono due ex amici di Montante - uno ex assessore regionale e l'altro un tempo al vertice dell'Irsap -, che con Ivan Lo Bello gestirono la "svolta legalitaria" di Confindustria
    (14 maggio 2018)
  • Corruzione: arresto Montante, da paladino antimafia ai domiciliari -
    La parabola del cavaliere del lavoro che aveva ereditato una fabbrica di biciclette di lusso. L'ascesa e la notorietà nazionale, la rete di relazioni, i favori e la scalata a Confindustria
    (14 maggio 2018)
  • Antonello Montante: "Mi autosospendo da Agenzia nazionale beni confiscati" -
    Il presidente di Confindustria Sicilia coinvolto in inchiesta per mafia
    (14 febbraio 2015)
  • Curriculum Marco Venturi - (29 marzo 2014)


comments powered by Disqus

´╗┐