Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Cimitero degli orrori: quattro arresti nel Palermitano
di Redazione

Per truffa, sottrazione, occultamento, vilipendio e distruzione di cadavere nel camposanto dell'Abbazia Benedettina di San Martino delle Scale. I resti dei defunti impastati nel cemento per realizzare le costruzioni abusive. Minacce di morte ai parenti

Tags: Cimitero Degli Orrori, Quattro Arresti Nel Palermitano, Camposanto San Martino Delle Scale, Monreale, Ossa Impastate Nel Cemento, Minacce A Parenti



Hanno definito l'operazione "cimitero degli orrori" i carabinieri che hanno arrestato Giovanni Messina, 70 anni, Salvatore Messina, 38 anni, Salvatore Messina, 24 anni, Antonino Campanella, 33 anni, tutti palermitani e imposto il divieto di dimora a Monreale e l'obbligo di firma nei confronti di Erminia Morbini, 74 anni, monrealese.
 
I cinque sono accusati di fare parte di un'associazione per delinquere finalizzata alla truffa, falsità in atti pubblici commesse da privati, falsità in certificazioni, violazione di sepolcro, vilipendio delle tombe, vilipendio di cadavere, occultamento di cadavere, distruzione, soppressione e sottrazione di cadavere.
 
Reati, secondo l'accusa compiuti nel cimitero di San Martino delle Scale nel palermitano. Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Palermo. Nel corso dell'operazione sono stati notificati alcuni avvisi di garanzia ad altre persone indagate.
 
Secondo le indagini dei carabinieri della compagnia di Monreale coordinate della Procura della Repubblica di Palermo, il cimitero dell'Abbazia Benedettina di San Martino delle Scale, completo da anni a causa, secondo l'accusa, della gestione delle persone arrestate, era diventata fonte di ingenti guadagni grazie alla compravendita di loculi e sepolture.
 
La richieste per una sepoltura era di cinquemila euro per vent'anni.
 
L'indagine parte da alcune denunce presentate.
 
Tanti palermitani non trovando posto nei cimiteri in città si recavano a San Martino delle Scale per trovare un loculo per dare sepoltura i propri familiari.
 
L'organizzazione trovava sempre del posto, secondo gli investigatori, "falsificando contratti di acquisto, cessione o rinnovo della concessione dei loculi e delle tombe gentilizie".
 
"I gestori - hanno spiegato i carabinieri - spostavano i defunti da tombe e loculi certi che i parenti e i congiunti non si accorgessero di nulla".
 
Per compiere le operazioni disattivavano il servizio di videosorveglianza installato dal parroco.
 
Negli anni senza alcuna autorizzazione è stato ampliato il cimitero realizzando nuovi loculi e nuove sepolture.
 
Infine non avendo un ossario i resti di alcuni defunti venivano impastati nel cemento per realizzare le costruzioni abusive.
 
Qualcuno dei parenti è tornato al cimitero per sapere dove si trovasse il proprio congiunto. Sono stati prima rassicurati e poi minacciati anche di morte.
 
Nel corso dell'operazione alcune aree del cimitero sono state sequestrate.
 

Articolo pubblicato il 26 maggio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐