Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

St. Tropez: mare, natura selvaggia e shopping. Tutto ciò che si può desiderare da una vacanza
di Nicoletta Fontana Conservo

Spiagge caraibiche, dolci colline ricoperte da vigneti, boutiques ricercate, ristoranti eccellenti in un’inconfondibile atmosfera chic 

Tags: Saint Tropez



A ognuno il suo mare! E per il jet set internazionale il vero mare è solo quello di Saint Tropez.
“St. Trop” come viene affettuosamente chiamata dagli habitué, è l’essenza di tutto ciò che si può desiderare da una vacanza frizzante e piena di eccitanti vibrazioni. Un mondo in perfetto equilibrio tra una natura selvaggia, un mare caraibico, dolci colline ricoperte di vigneti, eccellenti ristoranti, strepitosi locali notturni e uno shopping tra i più ricercati e hippy- chic del pianeta .
Nella spiaggia di Pampelonne, il Club 55 resta sempre il bagno più esclusivo di Saint Tropez.
 
 
Sulla bianchissima spiaggia, soffici materassi azzurri sono adagiati sotto le capanne di paglia in perfetta nuance con il colore turchese del mare. Eccellente il ristorante francese, in cui sui tavoli non mancherà mai la glacette che tiene in fresco dell’ottimo vino rosè. Impossibile resistere allo shopping nella sua iconica boutique sur la plage. Parei, borse di paglia, costumi, bijoux, vestiti e qualche piccolo arredo per la casa, altro non sono che il risultato della straordinaria e meticolosa ricerca della proprietaria. Da non perdere.
Poco distante, nel centro della baia di Pampelonne, il bagno Le Nioulargo regala un’atmosfera più orientale grazie al suo ottimo ristorante indonesiano Kai Largo. I più bohèmien potranno invece degustare fresche insalate e deliziosi sandwich proprio “au bord de la mer” nel più informale It Largo. Potenti motoscafi fanno da spola tra la spiaggia e le barche in rada per portare a riva gli ospiti che desiderano approfittare dei confort del lido e dei suoi ristoranti.
 
A Thaiti ci sono anche spiagge libere o poco attrezzate, adatte a chi non desidera sfarzo e conti stellari. Sicuramente più selvagge, come anche quelle della Baie di Canebiers, situata alla fine del Sentier du Littoral. Tre chilometri di passeggiata che vale veramente la pena di percorrere. Con voi scarpe comode e acqua nello zaino.
L’aperitivo si fa al primo piano dell’Hotel Le Sube. Seduti nel terrazzino affacciato sul porto fuori dalla calca di persone che affollano i locali sottostanti.
 
Da lassù i veri tropéziennes potranno gioire di un ottimo Pastis, drink tipico francese, accompagnato da involtini thai e tartine di Patanegra, mentre il sole tramonta sulla baia del porto tra mega yachts e magnifiche barche a vela.
Al martedì e al sabato mattina, tappa obbligata al mercato di Place de Lices.
 
 
Spezie, fiori, miele, marmellate, formaggi, frutta, verdura e foie gras, fanno da cornice a banchetti colmi di kaftani indiani, ricamate ceste di paglia, sandali, bikini e cappelli degni delle più esclusive boutique della piccola cittadina. Un appuntamento imperdibile, come l’acquisto della tradizionale Tarte Tropèzienne che si compra da Senequier, lungo il porto.
 
Saint Tropez nel tempo è diventata una vetrina internazionale delle più grandi ed esclusive griffe di moda. Ma le habitué da sempre fanno il loro shopping solo da Bla Bla per i kaftani, da Gas per i bijoux e da K. Jacques per i sandali fatti a mano.
Brigitte Bardot ha scelto questo magico luogo per la vita. La statua a lei dedicata si trova in Place Blanqui proprio davanti all’ex edificio della Gendarmerie, oggi Museo del Cinema. Una scultura bronzea che la raffigura eterea, nuda tra le onde, racchiusa in una conchiglia come una dea del Botticelli. Questa immagine dell’attrice rappresenta tutta l’essenza di Saint Tropez, dove ognuno, nonostante il lusso e lo sfarzo può trovare la sua dimensione, la sua spiaggia e la sua magia. Nello “small world” della sparkling Saint Tropez è facile essere invitati a un super party.
 
 
Unico obbligo a scapito di tanta libertà? Adeguarsi al “Dress Code”, come si conviene per ogni evento esclusivo che si rispetti.
Tiger, Lion, Total White, Forest, Gypsy o Jungle Style, tanto per citare dei temi. La più bella delle privazioni per iniziare, ancora prima della festa, la divertente ricerca per l’abbigliamento più folle ed eccentrico. E le foto? Le scatterà Pierre Photo (www.pierrephoto.com), mentre tra fiumi di champagne si ballerà tra le note dei più grandi e famosi Dj internazionali e cantanti di fama mondiale.
 
Finite la vostre serate in discoteca alla Caves du Roi all’interno dell’Hotel Byblos. E tornate a Saint Tropez a settembre per l’inizio della Le Voile di Saint Tropez che quest’anno festeggerà per la 20esima volta l’associazione di yacht tradizionali con barche del terzo millennio. Più di 300 barche che misurano fino a 50 metri, per la regata che si terrà ogni giorno nel Golfo di Saint-Tropez dal 29 al 7 Ottobre (www.lesvoilesdesaint-tropez.fr/les_voiles_de_saint_tropez/)
 


HOTEL
- Resident de la Pinède
www.residencepinede.com
- Kube Hotel Saint Tropez
www.kubehotel-saint-tropez.com
- Villa Marie
www.saint-tropez.villamarie.fr
 
RISTORANTI
- Ristorante dell’Hotel Spoon Byblos
www.byblos.com
- Auberges des Maures
www.aubergesdesmaures.com
- La Bastide di St-Tropez
www.bastide-saint-tropez.com
 
INFO
- www.sainttropeztourisme.com

Articolo pubblicato il 15 giugno 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus