Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Neet, Italia dieci punti sopra la media europea
di Redazione

Secondo l’indagine Eurostat nel 2017 ammontavano al 25,7%: cinque volte in più rispetto ai Paesi Bassi (5%). Sono il 17% al Nord e il 20,4% al Centro. Primo il Mezzogiorno con il 34,2% di “inattivi” 

Tags: Neet, Italia, Lavoro, Giovani



ROMA - Hanno tra i 18 e i 24 anni: non studiano e non cercano lavoro. Li chiamano Neet.
Nel resto dell’Europa sono in calo, ma in Italia restano tanti. Tantissimi. Secondo un’indagine di Eurostat nel 2017 erano il 25,7%. Dieci punti sopra la media europea che è invece pari al 14,3%. Addirittura cinque volte in più rispetto ai Paesi Bassi, dove la percentuale è bassissima, leggermente sopra il 5%. Leggendo i dati a livello Ue, nel 2017 circa 5,5 milioni di giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni non erano né occupati né in istruzione o formazione. Se poi si restringe il campo di ricerca sullo Stivale si scopre che nel 2017 un giovane su 4, di età compresa tra i 18 e i 24 anni, non era né occupato né stava studiando.
 
Se i Paesi Bassi fanno parte del club dei virtuosi, a fare compagnia all’Italia vi sono nazioni come Cipro, dove i Neet sono al 22,7%, Grecia (21,4%), Croazia (20,2%), Romania (19,3%) e Bulgaria (18,6%). Ancora sopra il 15% la Spagna (17,1%), Francia (15,6%) e Slovacchia (15,3%). Tra i virtuosi come detto vi sono i Paesi Bassi (5,3%), a seguire Slovenia (8%), Austria (8,1%), Lussemburgo e Svezia (entrambi a 8,2%), Repubblica Ceca (8,3 %), Malta (8,5%), Germania (8,6%) e Danimarca (9,2%). In Europa i "disillusi", coloro che senza occupazione possiedono una scarsa speranza di trovarlo, si sono comunque ridotti. Il dato nell’Unione Europea è calato dal 2012 dal 17,2% all’attuale 14,3%, per intenderci una percentuale simile ai livelli pre-crisi. Ma in questo quadro favorevole non ci rientra l’Italia che rimane “maglia nera”. Se poi si leggono i dati tutti italiani emergono le differenze tra le varie aree del Paese. I dati in questo caso sono forniti dall’Istat.
 
La distanza tra Mezzogiorno e resto del Paese si è accentuata negli anni. I Neet sono il 17% al Nord, il 20,4% al Centro e il 34,2% nel Mezzogiorno, con evidenti differenze tra le province di tutte le aree geografiche.
Il gruppo dei territori meno svantaggiati si concentra tra il Nord-ovest e il Nord-est ma include anche alcune province del Centro, come Pisa, Siena, Ancona.
 
I valori variano dal minimo di Bologna (11,8%) ai massimi di Roma (21,8%) e Torino (21,3%). All’opposto, il gruppo delle province e città metropolitane con più. Neet comprende parte di Campania e Puglia, tutta la Calabria, la quasi totalita’ dei territori siciliani e la costa occidentale della Sardegna, raggiungendo valori tra i più elevati nelle città metropolitane di Palermo (41,5%) Catania (40,1%), Messina (38,5%), Napoli (37,7%) e Reggio Calabria (36,8%). Tra il 2004 e il 2016 il fenomeno ha avuto un andamento generalmente crescente, più intenso al Nord (+44%), con punte elevate in alcune province del Piemonte (Vercelli, Asti, Alessandria) dove i Neet sono raddoppiati, in parte della Lombardia (Varese e Mantova) e a Rovigo. Le province meridionali, invece, hanno generalmente ridotto la distanza dal resto d’Italia come risultato di una crescita più contenuta dei già elevati livelli di esclusione dei propri giovani dal lavoro e dall’istruzione.

Articolo pubblicato il 19 giugno 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐