Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mercato immobiliare, confermato il trend positivo
di Fallico Rossella

Dati dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate (I trimestre 2018). Palermo in aumento con +1,7% dopo la flessione dello scorso trimestre (-6,1%) 

Tags: Mercato Immo, Economia



ROMA - L’inizio del 2018 conferma il trend positivo delle compravendite immobiliari, pur con qualche segnale di flessione in alcune grandi città.
 
Nei primi tre mesi dell’anno il mercato residenziale è cresciuto del 4,3% rispetto allo stesso periodo del 2017, mettendo a segno il dodicesimo aumento trimestrale consecutivo. Segno positivo anche per il comparto degli immobili produttivi e per quello del terziario commerciale, sebbene in presenza di un deciso arretramento per gli uffici. Sono questi i dati che emergono dalle Statistiche trimestrali dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.
 
Nel primo trimestre del 2018 si conferma il rialzo degli scambi di abitazioni. Tra gennaio e marzo di quest’anno si sono realizzate 127.277 compravendite facendo registrare, rispetto all’omologo trimestre del 2017, una crescita del 4,3%, seppure inferiore al +6,3% registrato lo scorso trimestre.
 
Tutte le aree del Paese mostrano segni positivi, con le Isole che presentano il rialzo maggiore, superando il 6%, e il Nord Est e il Sud che crescono del 5,8% e del 5,5% rispettivamente. Con circa 43.300 nuove transazioni normalizzate (Ntn), il mercato delle abitazioni al Nord Ovest guadagna, rispetto al I trimestre del 2017, il 3,6% e infine l’area del Centro realizza un +2,5%.
 
Rallenta la crescita del mercato nelle otto maggiori città italiane per popolazione, dove la variazione tendenziale registrata nel I trimestre del 2018 è pari a +0,7%, quando invece era +3,4% nel IV trimestre 2017: Palermo torna in aumento, +1,7%, dopo la flessione dello scorso trimestre quando aveva registrato -6,1%; Napoli realizza il suo 15° rialzo consecutivo con un risultato decisamente positivo, +11,8%. Rimangano molto indietro le altre città in crescita: Torino, +3,9% e 12° rialzo consecutivo, Milano, +0,9% e 19° rialzo consecutivo.
 
Il segmento dei depositi pertinenziali, per lo più costituito da cantine e soffitte, si mantiene in rialzo e dopo il +12,2% registrato lo scorso trimestre mostra, in questo primo trimestre del 2018 un aumento del 9,9%. La segmentazione per aree territoriali mostra un deciso incremento nel Nord Est, dove il tasso tendenziale raggiunge quasi il +22%, seguito dall’area del Sud, +16,4% (+15,2% del trimestre precedente). Le Isole registrano +3,4% contro il 6,8% del trimestre precedente.
 
Rallenta ancora il tasso di crescita dei depositi pertinenziali registrato nelle otto metropoli che si ferma a +2,3% (era +10,4% nel IV trimestre 2017 e +21,2% nel III trimestre 2017). Crescono con tassi a due cifre il mercato di Napoli, +25,7% e Torino, +16,1%, buoni i rialzi anche a Firenze, +6,9% e Genova, +5,4% mentre continua a perdere quote di scambi di queste unità Bologna, -5,6%. Resta, invece, stabile il volume di compravendite di cantine e soffitte nella capitale, rallentando così la decrescita realizzata lo scorso trimestre quando la perdita era del 10,2%. Palermo registra +2,6%, contro il 43% del trimestre precedente.
 
Con poco meno di 73 mila nuove transazioni normalizzate (Ntn) le compravendite di box e posti auto aumentano dell’1,9% tendenziale (contro il +3,8% del trimestre precedente). Piuttosto simile il risultato tra capoluoghi in aumento dell’1,6% e comuni minori, +2,1%. Il dettaglio per aree mostra una situazione non omogenea con il Nord Est e il Sud in crescita sia nei capoluoghi sia nei comuni non capoluogo e, di contro, il Centro con la flessione registrata sia nei capoluoghi, -2,5%, sia nei comuni non capoluogo, -7,8%.
 
Nelle Isole il rialzo dell’1% è sostenuto solo dalla dinamica dei capoluoghi che segnano +4,6% a fronte di un calo dell’1,1% dei comuni minori. Continua a restare in territorio negativo il mercato dei box e posti auto nelle otto grandi città analizzate.
 
Seppure con un tasso più contenuto rispetto al -6,3% registrato lo scorso trimestre, i circa 9.700 scambi non sono sufficienti a portare in positivo il tasso che si attesta a -2,4%. Cali sostenuti a Genova, -14,5%, e Palermo, -12,2% (-9% nel trimestre precedente); perdono, anche Roma, -5,7%, Torino, -3,9% e Bologna, -3,2%. In controtendenza a Napoli si osserva un incremento sostenuto che raggiunge il 37,5%. Proseguono nel recupero gli scambi di box e posti auto a Milano e Firenze.

Articolo pubblicato il 21 giugno 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐