Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Mafia: Fava, 59 scarcerati, anche fratello Messina Denaro
di Redazione

L'allarme è stato lanciato dal presidente della Commissione regionale antimafia dopo una serie di audizioni a Trapani. "La massoneria in questa provincia continua ad avere una forte funzione di raccordo"
 

Tags: Mafia, Fava, Scarcerati, Fratello Messina Denaro, Trapani



"Nel trapanese sono stati scarcerati, o stanno per esserlo, 59 mafiosi per fine pena e tra questi c'è anche Salvatore Messina Denaro, fratello del boss latitante Matteo".
 
Lo ha rivelato il presidente della commissione parlamentare Antimafia dell'Ars Claudio Fava, incontrando i giornalisti a conclusione delle audizioni tenute in Prefettura a Trapani.
 
L'Antimafia ha ascoltato il Prefetto, il capo della Procura, i vertici di carabinieri, polizia, guardia di finanza e Dia, e i commissari prefettizi del Comune di Castelvetrano, sciolto lo scorso anno per mafia.
 
"La presenza della massoneria in questa provincia - ha aggiunto Fava - continua ad avere, come ha avuto in passato dalla Loggia Iside 2 in poi, una funzione di raccordo forte, una sorta di camera di compensazione all'interno della quale continuano a incontrarsi, a sovrapporsi, a darsi manforte, interessi legali e illegali che vengono da diversi ambienti"
 
Il cinque giugno scorso la Polizia di Stato aveva compiuto un blitz contro la rete di fiancheggiatori che protegge la latitanza del boss Matteo Messina Denaro, in tutto diciassette persone tra Castelvetrano, Mazara del Vallo, Partanna, Santa Ninfa, Salaparuta e Campobello di Mazara.
 
Il blitz era arrivato a poco più di un mese da un'altra indagine della Dda che ha portato in carcere 21 persone tra boss e gregari dei clan di Castelvetrano, Partanna e Mazara del Vallo.
 
In dicembre altri 30 presunti mafiosi erano finiti indagati dalla Dda sempre per aver favorito la latitanza di Messina Denaro.
 
 

Articolo pubblicato il 21 giugno 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus