Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Di Paola: "Trasporti, taglio ai fondi: collegamenti a rischio"
di Redazione

 Il deputato M5s Di Paola rivolge un appello al Governo regionale. Stop deciso in Finanziaria: mancano all’appello 50 milioni di euro

Tags: Nuccio Di Paola, M5s, Trasporti, Sicilia, Marco Falcone, Gaetano Armao



PALERMO - Con lo stop in finanziaria ai fondi per il trasporto su gomma, sono a rischio i collegamenti urbani ed extraurbani in Sicilia. All’appello mancano 50 milioni di euro, un terzo cioé delle somme previste dal contratto di servizio da 150 mln di euro, siglato tre anni fa tra la Regione siciliana e le associazioni di categoria, in scadenza a dicembre 2019. Sono una novantina le società di trasporto per viaggiatori nell’Isola e occupano circa 7.500 dipendenti.
 
A lanciare l’allarme è il deputato regionale del M5S e componente della commissione Ambiente, territorio e mobilità dell’Ars Nuccio Di Paola, che in mattinata ha incontrato i rappresentanti delle associazioni a palazzo dei Normanni. Lo stop ai fondi - si legge in una nota - rischia di innescare un mix esplosivo: da un lato tagli lineari al numero di corse effettuate finora nel territorio regionale e dall’altro l’aumento dei costi per le aziende potrebbe causare, stando a quanto denunciato dalle associazioni, il licenziamento di 1.300 lavoratori.
 
“Chiediamo al vicepresidente della Regione Gaetano Armao e all'assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone - dice Di Paola - quale visione ha questo Governo sulla mobilità. Un taglio del 27% sul trasporto gommato equivale a una riduzione di 50 milioni di euro delle risorse destinate al comparto. Siamo fortemente preoccupati per le ricadute sull’occupazione e per gli utenti”.
 
“Non solo - aggiunge - c’è il rischio che la maggior parte dei siciliani e cioé lavoratori pendolari e studenti da settembre restino a piedi". "Vogliamo sapere le ragioni di questi tagli lineari, cosa intende fare questo Governo e quali solo le politiche in tema di mobilità, che intende mettere in campo nel breve e nel lungo periodo”.
 
“Finora - conclude Di Paola - si è proceduto di proroga in proroga al contratto di servizio; dal prossimo anno non saranno più possibile farlo. Il Governo deve darci una risposta, i siciliani non possono e non devono restare isolati nell’Isola, ai cittadini vanno assicurati servizi efficienti”.

Articolo pubblicato il 30 giugno 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐