Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Messina - Le zone verdi saranno "sicure" ma gli sfollati non si fidano
di Francesco Torre

Parlano i sindaci. Buzzanca: “Abitazioni sicure”. Briguglio: “Se lo assicura la Protezione civile...”. Perimetrazione delle zone alluvionate, polemiche e un’interrogazione in Senato

Tags: Messina, Nubifragio, Giampilieri, Scaletta Zanclea



MESSINA - “Quanto rilevato durante la perimetrazione delle aree alluvionate non corrisponde alla realtà, infatti proprio nelle zone delimitate come aree verdi, e in virtù di ciò classificate come sicure, si trovano strade distrutte dall’alluvione e immobili che hanno riportato ingenti danni a seguito della calamità naturale”. Così si è pronunciato in Senato Gianpiero D’Alia, trasmettendo un’interrogazione al Governo e denunciando come “abitazioni ritenute agibili e abitabili, poiché comprese nelle aree verdi, insistono proprio nelle zone o in prossimità di quelle dove l’alluvione ha provocato maggiori danni e lutti”.

“Non capisco a che cosa è dovuto il timore”, afferma invece il sindaco Giuseppe Buzzanca. “Si tratta di abitazioni sicure e i cittadini autorizzati devono tornare a casa, poiché le spese della loro sistemazione non possono gravare sulla struttura commissariale”.
Sulla perimetrazione delle zone verdi e sulla revoca delle ordinanze di sgombero per oltre 200 famiglie è polemica. Anche perché gli alluvionati adesso pretendono la massima attenzione sulla questione sicurezza, e dunque si rifiutano di tornare sic et simpliciter nelle proprie abitazioni. Giorno 8 gennaio erano in 30 davanti alla prefettura a chiedere di parlare con Alecci. “I cittadini ci hanno aiutato, ma il sindaco...”, recitava uno dei cartelli esposti.

Intanto al Capo Peloro Resort gli ospiti inaspettati del 1° ottobre sono passati da 170 a 112. Tale diminuzione lascerebbe pensare che in molti, in effetti, come letto e sentito dai proclami della Protezione Civile e dei Comuni interessati, stiano tornando nelle proprie abitazioni, ma non è così. Come ci spiegano gli stessi sfollati che ormai da oltre tre mesi vivono in albergo, infatti, chi se n’è andato ha approfittato del bonus affitto o è andato dai parenti, quasi nessuno si è fidato di tornare al proprio villaggio. Stesse informazioni otteniamo anche dal sindaco di Scaletta Zanclea, Mario Briguglio, per quanto riguarda i propri concittadini.
“All’inizio gli sfollati del nostro comune erano 456, ora un centinaio sono usciti dagli alberghi e hanno trovato un’autonoma sistemazione. Io non so – ci dice ancora il sindaco Briguglio – se le abitazioni nelle zone verdi sono sicure al 100%, ma se la Protezione Civile me lo assicura io da amministratore non posso far altro che revocare le ordinanze di sgombero”.
 

 
Gli interventi. I lavori in corso per la sicurezza dei luoghi
 
Messina - Tre lavori di messa in sicurezza già partiti. Parziali e non risolutivi, certo, ma urgenti. E la Protezione Civile regionale li sta realizzando.
Giampilieri Superiore. Intervento da 1 milione di euro sulla collina al di sopra della strada provinciale 33;
Altolia. Consolidamento di un costone già parzialmente franato, appalto concesso alla ditta Sofi;
Scaletta Superiore. Realizzazione di reti e barriere a difesa della strada provinciale 32, ad opera della ditta Demoter.
Il Comune di Messina, invece, per voce dell’assessore alle Manutenzioni Pippo Isgrò, si è impegnato per una somma di circa 700.000 euro, utili ripristinare l’elettricità nei villaggi, a riparare le strade comunali e a costruire passerelle e altre vie di fuga emergenziali, oltre che per tutte le indispensabili operazioni di movimento terra.

Articolo pubblicato il 23 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Un’area di Scaletta Zanclea sventrata dall’alluvione (ft)
Un’area di Scaletta Zanclea sventrata dall’alluvione (ft)
Il sindaco di Scaletta Mario Briguglio (ft)
Il sindaco di Scaletta Mario Briguglio (ft)