Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Passante ferroviario, Rfi: "Terminati i lavori, in autunno operativi"
di Gaspare Ingargiola

Iniziate le verifiche tecniche per il rilascio della certificazione di sicurezza da parte dell’Ansf. Ad agosto l’attivazione della linea che congiungerà Palermo all’aeroporto di Punta Raisi 

Tags: Palermo, Passante Ferroviario, Leoluca Orlando, Rfi



PALERMO - In autunno la linea ferroviaria tra Palermo e l’aeroporto “Falcone Borsellino” sarà riaperta.
I lavori del passante ferroviario nel tratto di collegamento tra la città e lo scalo di Punta Raisi, infatti, sono terminati. L’annuncio di Rfi arriva con una nota dopo un’ispezione con l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Marco Falcone a bordo di un carrello manutentivo.
 
 
“Sono già iniziate - ha fatto sapere Rfi - le verifiche tecniche all’infrastruttura, necessarie per il rilascio della certificazione di sicurezza da parte dell’Agenzia nazionale per la Sicurezza delle ferrovie (Ansf). Seguiranno quindi l’attivazione tecnica della linea, prevista ad agosto, e la fase di pre-esercizio”. Entro la fine dell’anno, quindi, i passeggeri in transito dallo scalo di Punta Raisi potranno muoversi da e per Palermo non più solo in autobus o in taxi ma anche a bordo di un treno. “Con la conclusione dei lavori per il ripristino della linea per l’aeroporto, i lavori per il completamento del Passante arrivano al 90% - ha sottolineato Filippo Palazzo, responsabile Progetti Palermo di Rfi -.
 
I prossimi step prevedono la conclusione delle restanti opere civili e l’attivazione del raddoppio completo della linea”. Certo, non è tutto oro quello che luccica: la maxi opera da 1,1 miliardi di euro viaggia comunque con anni di ritardo e il contenzioso da 100 milioni con la Sis è ancora aperto (o almeno così sostenevano a maggio i sindacati mentre per la Regione Siciliana le divergenze erano state appianate). Se il colosso ispanico-piemontese rinuncerà alla parte restante dell’appalto, Rfi potrebbe essere costretta a ricorrere ad un nuovo bando per non vedere vanificati anni di investimenti e di sacrifici da parte dei cittadini. Del 10% ancora da costruire, il tratto che in questi anni ha creato i maggiori grattacapi è senza dubbio quello di vicolo Bernava.
 
In ogni caso, fino a qualche settimana fa Rfi assicurava che “saranno portate a termine tutte le opere necessarie per il raddoppio completo della linea”, anche se nell’immediato alcuni tratti resteranno a binario unico. Il sopralluogo della scorsa settimana “è servito a verificare lo stato dell’arte di un’opera strategica non solo per Palermo, ma per l’intera Sicilia occidentale - ha affermato l'assessore Falcone -. Il governo regionale esprime soddisfazione per la ripresa dei lavori a pieno ritmo, grazie alla quale nelle prossime settimane verrà riattivato il fondamentale collegamento tra la città e l’aeroporto. Il presidente Musumeci ha chiesto e ricevuto da Rfi piene rassicurazioni sul completamento dell’opera e questa visita ci ha confermato che la direzione è quella giusta”. “La riapertura del collegamento ferroviario fra la città e l'aeroporto è un fatto importante a lungo atteso.
 
Questa, come altre importanti opere legate al trasporto ferrato a servizio della città e dell'area metropolitana, è una importante infrastruttura, ancor di più oggi che assistiamo ad un quotidiano incremento del traffico di passeggeri, locali e turisti, che usano l’aeroporto Falcone-Borsellino per raggiungere la nostra città”, ha commentato il sindaco Leoluca Orlando.

Articolo pubblicato il 12 luglio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐