Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Migranti: Diciotti-Vos Thalassa, fermati i due indagati
di Redazione

La Procura di Trapani, dopo accurate indagini, ha aggiunto l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione per il somalo e il ghanese indagati per violenza privata nei confronti dell'equipaggio del cargo italiano. Il fermo motivato dai Pm con la possibilità che possano scappare. Salvini ringrazia su Facebook

Tags: Migranti: Diciotti-Vos Thalassa, Fermati I Due Indagati



I racconti dei testimoni hanno aggravato la posizione del ghanese e del sudanese indagati, finora in stato di libertà, per l'aggressione subita dall'equipaggio del rimorchiatore Vos Thalassa che, l'8 luglio, soccorse in mare l'imbarcazione su cui entrambi viaggiavano insieme ad altri 65 migranti.
 
I pm di Trapani guidati da Alfredo Morvillo hanno disposto il fermo di entrambi: avrebbero minacciato un marinaio, un ufficiale e il comandante che, obbedendo alla Guardia Costiera libica, avevano deciso di riportarli nel Paese nordafricano.
 
Il provvedimento di fermo si è reso necessario, secondo la Procura di Trapani, per evitare che i due facciano perdere le proprie tracce e per le nuove contestazioni che vengono loro rivolte.
 
Non più soltanto la violenza privata, ma i reati di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale e concorso in favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.
 
Come si ricoderà i 67 migranti sono stati poi fatti trasbordare sulla nave Diciotti della Guardia costiera, approdata a Trapani.
 
Tra racconti contrastanti, smentite, pressioni del ministro dell'Interno Salvini che invocava un intervento forte della magistratura e impediva lo sbarco dei migranti, le sorti dei 67 sono rimaste incerte per ore.
 
Poi l'intervento del Capo dello Stato Sergio Mattarella e l'attracco della nave a Trapani.
 
Ma per la Procura gli elementi per una misura cautelare ancora non c'erano.
 
La svolta è arrivata dopo che i pm hanno ricostruito quanto accaduto l'8 luglio.
 
Il rimorchiatore Vos Thalassa aveva soccorso in area Sar libica i profughi che viaggiavano verso la Sicilia e dalla Guardia costiera libica aveva avuto indicazioni di dirigersi verso le coste africane per trasbordarli su una motovodetta.
 
Terrorizzati - le organizzazioni umanitarie hanno più volte sottolineato come in Libia si trovino autentici lager da dove i migranti scappano per evitare morte e violenze -  i due fermati, insieme ad altri ancora non identificati, avrebbero accerchiato, spintonato e minacciato ripetutamente di morte (mimando il gesto di tagliargli la gola e di gettarlo in mare) il marinaio.
 
Stessa sorte avrebbe avuto il primo ufficiale.
 
L'aggressione avrebbe costretto il comandante della Vos Thalassa a invertire la rotta, fare ritorno al punto di soccorso e richiedere con urgenza l'intervento delle autorità italiane.
 
Il rimorchiatore ha così fatto rotta verso nord (cioè verso le coste italiane) per ricevere i soccorsi della nave militare Diciotti.
 
La decisione degli inquirenti è stata commentata su Facebook dal ministro dell'Interno Salvini con un semplice "Grazie".
 
 

Articolo pubblicato il 15 luglio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐