Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

In Sicilia calano le richieste di mutuo, ma aumentano i prestiti personali
di Redazione

Lo dice il Barometro Crif: si tratta di dati relativi al primo semestre 2018 e ad oltre 85 milioni di posizioni creditizie. Prestiti finalizzati -4,7%: a livello provinciale solo Enna, Messina e Trapani col segno positivo  

Tags: Mutuo, Prestito, Crif



BOLOGNA – L’ultimo aggiornamento del Barometro Crif, che rileva in modo puntuale l’andamento delle richieste di prestiti e mutui (vere e proprie istruttorie formali, non semplici richieste di informazioni o preventivi online) raccolte da Eurisc - il Sistema di Informazioni Creditizie di Crif che raccoglie i dati relativi ad oltre 85 milioni di posizioni creditizie – nel I semestre dell’anno, a livello nazionale, evidenzia andamenti divergenti: per quanto riguarda i mutui infatti, si registra un calo del -4,4% delle interrogazioni rispetto al 2017 a causa del significativo ridimensionamento delle surroghe, mentre le richieste di prestiti segnano una crescita, trainata dalla componente dei prestiti personali (+7,6%).
 
LA SITUAZIONE IN SICILIA
L’andamento delle richieste di nuovi mutui e surroghe
 
Per quanto riguarda la Sicilia, dallo studio di CRIF emerge come nel I semestre 2018 il numero di richieste di nuovi mutui e surroghe sia risultato in diminuzione del -2,5% rispetto allo stesso periodo 2017, una variazione comunque più contenuta rispetto alla performance rilevata a livello nazionale (-4,4%).
A livello provinciale, le uniche due provincie ad aver registrato una crescita sono state Caltanissetta e Siracusa (rispettivamente +8,7% e +5,1%), mentre i cali più marcati si registrano nelle province di Trapani (-12,1%) ed Enna (-6,0%). A Palermo il calo è stato pari a -3,9% contro il -1,9% di Catania.
Relativamente agli importi medi dei mutui richiesti, invece, in regione si registra una diminuzione del -5,0%, con un valore medio nettamente inferiore alla media nazionale. La provincia di Palermo fa registrare l’importo più alto, con 117.340 Euro mediamente richiesti, seguita da Catania, con 112.665 Euro. A Caltanissetta si rileva invece il valore medio più contenuto, pari a 95.334 Euro.
 
L’andamento delle richieste di prestiti finalizzati
 
Per quanto riguarda il numero di richieste di prestiti finalizzati all’acquisto di beni/servizi (quali auto e moto, arredo, elettronica ed elettrodomestici, ma anche viaggi, spese mediche, palestre ecc.), nei primi 6 mesi dell’anno in Sicilia si registra una diminuzione del -4,8% rispetto al I semestre 2017, in controtendenza rispetto al dato nazionale (+0,4%).
A livello provinciale Enna conquista la vetta della classifica con un aumento del +6,1%, seguita da Messina (+1,7%). Palermo registra invece la contrazione più marcata in regione, pari a –8,6%.
In termini di importo richiesto, invece, la media per i prestiti finalizzati in regione è stata pari a 5.381 Euro, in crescita del +8,0% rispetto al 2017.
Messina fa segnare l’importo medio più consistente, con 6.624 Euro mediamente richiesti mentre Palermo e Trapani si collocano all’estremo opposto della classifica, con i valori più contenuti, rispettivamente pari a 4.826 Euro e 5.109 Euro.
 
L’andamento delle richieste di prestiti personali
 
Relativamente ai prestiti personali, infine, nel I semestre 2018 la Sicilia evidenzia un incremento del numero di richieste pari a +8,5% rispetto allo stesso periodo del 2017, variazione superiore rispetto alla performance nazionale (+7,6%).
La crescita è diffusa ma, tra le province, Ragusa spicca con un robusto +14,4%, insieme a Enna (+12,4%). A Palermo la crescita è stata del +11,7% mentre a Catania del +5,7%. Si osserva invece la variazione più contenuta a Trapani, che aumenta solo del +4,0% rispetto al I semestre 2017.
Per quanto riguarda l’importo medio dei prestiti personali richiesti in questa prima metà dell’anno, non vi sono sostanziali differenze a livello provinciale: Trapani si posiziona al primo posto in regione con 12.809 Euro richiesti, mentre all’estremo opposto si colloca Palermo, con 12.058 Euro, preceduta a breve distanza da Enna, con 12.190 Euro.
“Negli ultimi mesi le richieste di credito da parte delle famiglie hanno ripreso vigore: i prestiti consolidano la performance dell’intero semestre, mentre si conferma il trend di progressivo sviluppo del mercato dei nuovi mutui a fronte di un costante ridimensionamento delle surroghe, che vedono sempre più ridurre il proprio peso dopo il picco registrato nel 2015 - commenta Simone Capecchi, Executive Director di CRIF -. In particolare va segnalata la brillante crescita dei prestiti personali, che rappresentano oltre un terzo delle richieste complessive. La dinamica dei prestiti finalizzati, che tipicamente sostengono l’acquisto di beni durevoli da parte delle famiglie, appare invece più timida ma nei prossimi mesi potrebbe trovare nuovo impulso grazie alle campagne commerciali previste dagli operatori di settore”.

Articolo pubblicato il 18 luglio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus