Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Lavoratori storici della formazione, avviata trattativa per ricollocazione
di Michele Giuliano

Intanto gli ex sportellisti sono andati a Roma: sono stati ricevuti dal ministro Di Maio. Incontro tra sindacati e governo regionale: riconosciuti i diritti dell'albo unico regionale 

Tags: Formazione, Sicilia, Lavoro, Ex Sportellisti, Luigi Di Maio



PALERMO - Mentre la formazione professionale continua a vacillare in Sicilia nelle sue incertezze, affondano anche i suoi lavoratori storici. Quelli che, secondo la norma regionale 24/76, avrebbero dovuto avere il posto di lavoro salvaguardato e che al contrario da tre anni sono a casa in spregio ad una legge che è figlia della stessa Autonomia siciliana.
 
 
Mentre si consuma questo incredibile paradosso si sta continuano a lavorare per tentare di ridare un senso a quella norma. Da giorni è intavolata una contrattazione tra i sindacati e l’assessorato regionale alla Formazione da dove arrivano buone notizie, o almeno così sembra, per questi lavoratori: “La trattativa sulla tutela dei lavoratori storici della formazione professionale siciliana, per la loro ricollocazione, - affermano i segretari regionali della Flc Cgil, Graziamaria Pistorino, della Cisl Scuola, Francesca Bellia, e della Uil Scuola, Claudio Parasporo - è stata riportata nell’alveo del contratto collettivo nazionale. Diamo atto all’assessore Roberto Lagalla di aver svolto un’importante attività di mediazione tra le più estreme posizioni in campo, che tuttavia hanno ribadito i punti essenziali della nostra proposta. Una proposta che parte dal riconoscimento dei diritti di tutti i lavoratori dell’albo unico regionale in applicazione dell'art. 5 del collegato alla legge finanziaria regionale, pubblicata in gazzetta ufficiale, che ha rappresentato un importante punto fermo”.
 
All’incontro hanno partecipato, in rappresentanza delle parti datoriali, Cenfop, Forma, Assoform e Confap. “Su queste basi, nell'ambito di una trattativa in pieno svolgimento, ma su cui si è d'accordo come struttura portante – concludono Pistorino, Bellia e Parasporo – può edificarsi un confronto costruttivo per definire e sottoscrivere soluzioni condivise tra le organizzazioni sindacali, le associazioni degli enti di formazione e le istituzioni regionali”.
 
Tra gli storici rientrano sicuramente anche i circa 1.700 lavoratori degli oramai defunti Sportelli multifunzionali. Strutture oramai belle e archiviate che avrebbero dovuto supportare i centri per l’impiego ma sui cui risultati aleggiano tanti dubbi. Anche a questa platea tante promesse, un barlume dii speranza per qualche mese con un reimpiego al Ciapi e poi di nuovo il licenziamento. Una rappresentanza siciliana di questi lavoratori e delle categorie della Usb, Lavoratori Liberi ex Sportelli Multifunzionali e Irriducibili della Formazione professionale, è stata in presidio davanti al ministero del Lavoro riuscendo anche ad avere un confronto con il ministro Luigi Di Maio. “Ognuno di noi – ha raccontato Adriana Vitale, ex sportellista tra le più in vista in questa lunghissima vertenza della categoria professionale - ha avuto modo di parlare ed esporre la drammatica vicenda, apportando un contributo importante, senza ripetizioni o accavallamenti inutili e dannosi. Le parole del ministro sono state musica per le nostre orecchie, ha accolto la proposta di un tavolo di concertazione tra il governo nazionale, il governo regionale e le parti, ha anche esposto i suoi intendimenti relativamente all'implementazione dei Cpi per migliorare i servizi di politiche attive. Ha promesso che a breve istituirà il tavolo e la prima volta sarà lui stesso a presiedere per dare un taglio istituzionale”.

Articolo pubblicato il 20 luglio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐