Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sicilia, Puglia e Toscana le più belle dell'estate
di Roberto Pelos

Indagine Confcommercio-Confturismo sulle destinazioni di vacanza preferite dai turisti italiani e stranieri. La nostra Isola è risultata prima nelle preferenze dei vacanzieri 

Tags: Sicilia, Puglia, Toscana, Turismo



ROMA – La Sicilia è una delle mete più ambite di questa estate; la nostra terra, ricca di storia, tradizioni, cultura, bellezze artistiche, monumentali e naturali è ancora una volta in “auge” tra le regioni del Meridione d’Italia secondo quanto riferisce Confcommercio e Confturismo che ha recentemente presentato un’indagine relativa alle spese e alle destinazioni preferite dai turisti italiani e stranieri per la bella stagione nell’anno in corso.
 
A primeggiare è proprio la nostra regione, seguita dalla Puglia e ancora dalla Toscana che consegue le stesse preferenze dell’Emilia-Romagna. Altre regioni gradite ai turisti per le vacanze estive sono la Sardegna e la Campania a pari merito, così come la Calabria e il Trentino Alto Adige. Sono gli stranieri i visitatori maggiormente attratti dalle regioni Meridionali e dalle Isole; in quest’area si registra infatti un balzo in avanti in percentuale, dal 15% del 2017 al 21% di quest’anno. A pagarne le conseguenze sono soprattutto le regioni del Nord-Ovest, che scende di quattro punti percentuali e il Nord-Est che ne perde tre.
 
I passeggeri internazionali che transiteranno nei nostri aeroporti saranno oltre 38 milioni, oltre due mln in più rispetto all’estate 2017, di cui la metà con destinazione al Meridione d’Italia. La spesa media degli stranieri per le vacanze estive in Italia si aggira sui 16 miliardi, ben sette mld di euro superiore alla spesa degli italiani all’estero (nove mld); un surplus che, come dice il rapporto di Confcommercio, non si registra in nessun altro comparto dell’economia del nostro Paese.
 
Il budget medio degli italiani sarà di 847 euro pro capite e il mese in cui si spenderà di più sarà quello di agosto con una spesa media pari a 910 euro. La Sicilia, insieme alla Sardegna e alla Puglia è tra le destinazioni top in Italia relativamente alle prenotazioni presso le agenzie di viaggi.
 
La durata media di un soggiorno rimane sostanzialmente invariata rispetto allo scorso anno ma la spesa media è in incremento su tutte le destinazioni e segmenti di vacanza. Ma cosa fanno i vacanzieri durante la bella stagione? Il 59% predilige il riposo, mentre il 28% va in vacanza principalmente per divertirsi. Riguardo alle principali attività, il 60% preferisce andare al mare, il 30% visitare musei e monumenti, il 21% fare shopping o acquistare regali, il 19% fa visita a parenti o amici, 16% predilige la vacanza enogastronomica. Il mare è la principale location per il 68% dei vacanzieri, il 22% preferisce le città o le località d’arte, il 6% la campagna o la collina, il 4% i laghi. In crescita di circa il 2%, per la stagione 2018, gli arrivi nei campeggi e nei villaggi turistici.
 
Si tratta di un risultato positivo che riporterà oltre la soglia dei 10 milioni il totale degli arrivi, soglia già superata nel 2015. Circa 10,3 milioni gli arrivi (nel 2017 erano stati 9,9 milioni) nei 2.650 campeggi e villaggi turistici italiani, per un totale di circa 69,7 milioni di presenze (68 milioni nel 2017). Una valutazione negativa si registra, per il mese di luglio, per quanto riguarda la ristorazione, risultati negativi nei primi due mesi estivi emergono per le presenze in spiaggia.
 
L’indagine riguardante le preferenze e le spese dei vacanzieri nell’estate in corso è stata realizzata da Confturismo-Confcommercio insieme alle federazioni di categoria - Federalberghi, Faita (campeggi), Fipe (pubblici esercizi), Fto (tour operator) e Sib (stabilimenti balneari) - e con il contributo dell’Istituto Piepoli.

Articolo pubblicato il 03 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus