Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sud: in Sicilia record di beneficiari del Reddito d'inclusione
di Patrizia Penna

I dati di Alleanza contro la povertà: situazione gravissima anche per chi lavora e la situazione non può che peggiorare. Funziona il provvedimento del Governo Gentiloni
 

Tags: Sud, Reddito D'inclusione, Sicilia Record Beneficiari, Gentiloni, Reddito Cittadinanza



Livelli di povertà crescenti, anche tra chi lavora.
 
Giovani sempre più tagliati fuori dall'occupazione e un trend di invecchiamento della popolazione assai preoccupante.
 
È la fotografia della Sicilia, sempre più fanalino di coda del Mezzogiorno e del Paese.
 
Così, non meraviglia che il numero di persone che beneficiano del Reddito di inclusione, misura di contrasto alla povertà assoluta, che venne varato dal Governo Gentiloni - e in assenza dell'improbabile reddito di cittadinanza dei grillini - nell'Isola sia il secondo più alto d'Italia.
 
A puntare i riflettori sul fenomeno, è Rosanna Laplaca, portavoce dell'Alleanza contro la povertà in Sicilia, il cartello di 20 soggetti tra parti sociali, terzo settore e Anci siciliana.
 
"I dati del primo semestre 2018 - ha detto - registrano per la Sicilia una platea di quasi 64.000 nuclei familiari percettori di Rei a cui si aggiungono 10.209 famiglie che beneficiano della precedente misura, il Sostegno all'inclusione attiva. Il numero complessivo è di 250.298 persone coinvolte, con un assegno medio mensile di 326 euro".
 
Sicilia e Campania da sole, segnala l'Alleanza rielaborando gli ultimi dati Inps, coprono il 53% del totale delle persone coinvolte ed esattamente la metà delle famiglie che in Italia versano in condizioni di povertà assoluta; di queste, oltre la metà ha minori e il 18% disabili all'interno del nucleo.
 
"È assai evidente - ha aggiunto - la stretta correlazione tra disoccupazione, condizioni di lavoro, arretratezza economica e alta percentuale di richieste di sostegno al reddito. Certamente, si tratta di un rapporto destinato a salire per effetto del carattere di universalità del Rei e con il venir meno dal primo luglio dei cosiddetti requisiti familiari".
 
"Per le domande presentate già dal primo giugno, infatti - ha concluso - gli unici requisiti da soddisfare sono quelli reddituali, di cittadinanza e residenza, con un notevole allargamento della platea dei beneficiari in regioni come la Sicilia che ha un elevato tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile".
 
 

Articolo pubblicato il 03 agosto 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐